Pubblicità

Sessuologia (110646)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 41 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rosanna 30

Salve dottore, le scrivo per cercare di far luce sul problema che ho con il mio compagno, praticamente lui pratica raramente (diciamo che capita un paio di volte all'anno) il sesso orale con me. Io ho cercato di parlargliene, di capire se c'è un problema e qual'è, ma lui mi risponde andando su tutte le furie e definendomi paranoica e ingrata. Io cerco di fargli capire che comunque qualcosa di reale c'è, cerco di farlo concentrare sulla reale carenza di quest'atto che per me (forse sbaglio) è importante, ma lui continua ad aggredirmi. Ora io lo so che ci sono altre cose più importanti in un rapporto, ma per me questo è motivo di frustrazione (mi chiedo in continuazione se ho qualcosa che non va, mi sento indesiderabile ecc..). Quindi la prego mi dica sono veramente io ad essere paranoica e assurda o il mio desiderio può considerarsi lecito e se si come mi devo comportare considerato che lui reagisce così? Le premetto che io al contrario di lui credo di essere sempre molto aperta e attenta riguardo a quelli che possono essere i suoi bisogni dal punto di vista sessuale (insomma non gli faccio mancare niente per dirlo in parole povere). La prego mi risponda perchè io davvero non so più cosa fare. Grazie.

Probabilmente è proprio una questione di gusti sessuali del tuo partner. Potrebbe essere un senso di "disgusto"o una paura connessa a qualcos'altro, comunque sia è giusto accettare le sue preferenze: credo che possiate trovare una buona intesa sessuale preferendo altre pratiche che trovano il consenso di entrambi. Il fatto che tu stia concentrando la tua attenzione esclusivamente su questo potrebbe indicare che magari avverti qualche altra problematica di cui non hai parlato in questa sede o di cui non ti rendi conto consciamente. Un abbraccio.

(risponde la Dott.ssa Maristella Copia)

Pubblicato in data 09/11/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni