Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (112771)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 31 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gianni 23

Salve, da circa 10/12 anni ho la consapevolezza di essere attratto da persone del mio stesso sesso. Da quando avavo circa 9 anni e fino ai 20 ho avuto esperienze di masturbazione reciproca con un coetaneo. Recentemente ho cercato un pò su internet e sono riuscito ad incontrare un ragazzo con cui ho avuto un rapporto completo (anale ed orale). Con questo ragazzo ho fatto sesso per circa un mese al punto tale che stavamo quasi per fidanzarci, ma poi ho eliminato questa possibilità per un semplice motivo: io voglio stare con una donna. In passato sono stato con ragazze, però non ho mai avuto un rapporto sessuale con loro. Ho cercato un pò di informarmi, ma ho dedotto che un aiuto psicologico sarebbe rivolto solo a farmi accettare. Il problema è che non voglio questo. Io mi accetto, ma non voglio una vita così. Io voglio stare con una donna, formarmi una famiglia, avere molti figli. Quindi vi chiedo: c'è un modo per modificare questo orientamento sessuale che non sento mio?? Spero mi rispondiate, sono ai limiti dell'esasperazione. Grazie.

Ciao Gianni, capisco bene il tuo problema, anche se credo tu abbia fatto un po’ di confusione. L’omosessualità non è il problema, perché non è in sé un problema, così come non si può decidere arbitrariamente un orientamento sessuale. Comprendo le tue preoccupazioni… chiamiamole culturali, ma c’è qualcosa che non torna. Purtoppo come sai in Italia non è possibile avere una famiglia con genitori omosessuali e con bambini, almeno non da un punto di vista legale… quindi, se ho capito bene, per te essere omosessuale significa rinunciare al sogno della famiglia numerosa. Penso che tu accetti di essere omosessuale, ma non le conseguenze sociali che questo comporta, altrimenti vivresti più allo scoperto il tuo orientamento. Dico questo come considerazione senza biasimo alcuno, perché conosco il mondo e so quanto è difficile essere diversi dai canoni impostici dalla società, anche di poco. Orientamento sessuale significa notare, apprezzare e voler amare una persona che è del tuo stesso sesso o di sesso diverso e tutto quello che ne consegue. Non essendoci un orientamento giusto ed uno sbagliato, non è possibile “guarire” da quello che non si vuole. Se quando esci noti principalmente ragazzi e ti senti attratto da loro… se vuoi stare insieme ad una certa persona, sentirla vicina, se provi per lui dei sentimenti… è l’orientamento che sceglie. Se una donna non ti fa provare le stesse sensazioni, il tuo orientamento ci vede giusto, è il tuo condizionamento culturale a gridare ALT! Io credo che dovresti guardarti dentro e capire cosa davvero vuoi… cosa ti attrae, cosa desideri, cosa ami ed uno psicologo può aiutarti in questo cammino verso te stesso… senza farti accettare niente, prima di aver scoperto insieme chi sei davvero.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 30/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità anche quando ciò si traduce in si...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

News Letters

0
condivisioni