Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (119390)

on . Postato in Sessualità | Letto 9 volte

Diego 34

Salve, sono un ragazzo di 34 anni, da circa due anni ho una relazione seria con una ragazza di 30 anni (laureata in psicologia). Circa tre settimane fa, parlando con lei, sono venuto a conoscenza che nel periodo prima di conoscermi ha avuto diversi partners. Sono rimasto un po' sconcertato perchè per la stima che nutro nei suoi confronti, e per l'alta considerazione che ho di lei, mai mi sarei aspettato una simile cosa (premetto che ho sempre pensato che il passato è, e deve, rimanere passato). Mentre mi raccontava di queste esperienze (dietro mia richiesta) mi ha parlato di aver avuto rapporti con un ragazzo che era molto dotato (ma che a suo dire non l'aveva affatto soddisfatta, benchè le dimensioni del suo pene fossero notevoli, rassicurandomi che preferiva il mio pene poichè io lo so usare bene). Devo dire che anche questa cosa (del rapporto con una persona dotata) mi ha infastidito ulteriormente. Successivamente, nei nostri momenti intimi, mentre la stimolavo manualmente, le ho chiesto di parlarmi del suo rapporto sessuale avuto con questa persona, lei ha accettato e mentre mi raccontava ha raggiunto abbastanza velocemente un orgasmo fortissimo. Il mio quesito è questo, è normale da parte sua tutta questa eccitazione (benchè continui a dire che quel pene così grande, sia come lunghezza che diametro, non gli ha dato un gran piacere)? Io ora, pensando a quanto è accaduto mi sento come sminuito e avverto un grande fastidio, pensando che la persona che amo sia stata "presa" da un uomo più dotato di me, e allo stesso tempo provo un'insana eccitazione nell'immaginare quel momento. Perchè? Grazie.

Caro Diego, la dimensione del pene non è sinonimo di arrivare all'orgasmo poichè altri sono i parametri per ottenerlo. La storia del passato della tua ragazza non deve coinvolgerti poichè tu l'hai conosciuta successivamente alle sue esperienze, quindi ipoteticamente per te è vergine. Per avere un buon rapporto sia affettivo sia sentimentale che sfocia nell'amore della coppia, con la conseguenza di un buon rapporto sessuale, dovete iniziare a confrontarvi non sul passato ma sul presente, che è la cosa importante. Il consulto da uno psicoterapeuta per annullare i dubbi non è sconsigliabile, anzi credo che esso possa esservi utile, anche alla ragazza che, laureata in psicologia, forse non ha ben chiaro come ci si comporta in una nuova storia. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 10/06/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Se è amore o amicizia con un r…

ALEXA1, 52     Salve sono Alexa ho 52 anni separata da 15, mi trovo ad affrontare una strana situazione da 9 mesi. ...

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters