Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (122671)

on . Postato in Sessualità | Letto 8 volte

Ada 28

Gentili dottori, una domanda "tecnica". Nella vostra esperienza quali sono i motivi più comuni che portano una persona a non sperimentare mai la sessualità, sia pure arrivati all'età di 28 anni come nel mio caso? Premetto che non ho mai subìto molestie e non sono omosessuale, mi piacciono i ragazzi, eppure mi ha sempre fatto ribrezzo la sessualità, l'atto fisico intendo, l'ho sempre percepito come una sorta di invasione di campo illecita, di cui non avrei potuto gestire le conseguenze. Premetto che ho ricevuto un'educazione libera e liberale, anche se i miei, specialmente mia madre, sono sempre stati estremamente apprensivi, ma credo, in fin dei conti, rimanendo pur sempre entro limiti non patologici. E allora perché a tutt'oggi questa forte attrazione/repulsione per la sessualità? So benissimo che non conoscendomi non potete farmi una diagnosi personalizzata e corretta a distanza, proprio per questo vi chiedo, in generale, a titolo di pura curiosità, nella vostra esperienza di dottori, a cosa sono dovuti in genere questi blocchi, ma soprattutto, come cominciare a risolverli? Da dove consigliate ai vostri pazienti di partire, se ogni volta che uno prova ad aprirsi un po' agli altri, pur mettendoci buona volontà, inevitabilmente si blocca, percependo la cosa come insormontabile, non sentendosi all'altezza ed anzi ridicola? Giusto per capire un po' (di risolvere veramente la cosa ci ho perso le speranze!). Inutile dire che la situazione mi fa sentire estremamente sola e triste spesso (sebbene ormai mi sia abituata abbastanza alla situazione), mi fa sentire sola perché ormai ho capito che questo blocco inficia la mia vita relazionale nella sua totalità: è come se gli altri avvertissero, avessero delle "antenne speciali" per capire che non sei una di loro, che non appartieni al loro mondo, che hai qualcosa di strano che non quadra, qualcosa che traspare dal mio modo di pormi e atteggiarmi, evidentemente non spigliato e sicuro di sé, e alla fine cominciano a isolarti o a considerarti "delemento di contorno". Non ditemi di no, perché lo sperimento in continuazione ed è proprio così, una donna che non ha mai avuto un uomo è solo, ahimé, una donna a metà. Grazie dell'aiuto, vi mando un caro saluto.

 Cara Ada, rispondere alla richiesta fatta non è semplice poichè con poche righe non si può rispondere ad una domanda così complessa. Provo a dare alcune spiegazioni, la prima che se la castità è una scelta non ci sono problemi psicologici ne sensi di colpa, se invece esistono, come sembra di capire, delle difficoltà psicologiche, relazionali e sociali occorre capire quali sono le fonti di queste problematiche. Il modo di porre la domanda è già un segnale che qualche problemino esiste, quindi come consiglio che posso dare è di consultare uno psicologo psicoterapeuta per capire e risolvere i contenuti di questa difficoltà attrattiva/repulsiva. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 22/07/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Lallazione (le fasi)

La lallazione (o bubbling) è una fase dello sviluppo del linguaggio infantile che inizia dal quinto-sesto mese di vita circa. Essa consiste nell’em...

Sindrome da Alienazione Parent…

La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS) è un disturbo che insorge quasi esclusivamente durante la fase di separazione o divorzio ed aumenta quando si ...

News Letters