Pubblicità

Sessuologia (123579)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 26 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mary 26

Salve,sono una ragazza di 26 anni e ho un partner da quasi un anno.Tutto è perfetto tra noi se non fosse per la nostra vita sessuale. Soffro di vaginismo inferiore e questo non mi permette di avere rapporti sessuali completi, il problema è che il mio partner si sente rifiutato, mi sforzo di fargli capire il contrario ma senza successo purtroppo. Il nostro rapporto è diventato frustrante ed io non so più cosa fare. Come spiegare ad un uomo il problema del vaginismo? Credo non abbia compreso a fondo il problema e concentra le sue attenzioni sul suo "sentirsi" rifiutato. Grazie per la risposta.

Cara Mary, innanzitutto dovresti preoccuparti di risolvere questo problema, visto che è trattato da molti psicologi (ti consiglio il mio orientamento, il cognitivo-comportamentale) e da molti psicologi di altri orientamenti con specializzazione anche in sessuologia o comunque consulenti in tale ambito. Nel rivolgerti a questo professionista dal vivo, dovresti coinvolgere anche il tuo partner e farti aiutare a superare il disturbo perchè, come vedrai, nel trattamento è imprescindibile la partecipazione del tuo ragazzo. Se non dovesse capire, beh preparati a dover vivere con una persona un po' troppo "autocentrata" su di sè e che è poco aperto a considerare in maniera più ampia e meno persecutoria le difficoltà delle persone che ha intorno, spero non sia il tuo caso! In bocca al lupo!

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 07/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters

0
condivisioni