Pubblicità

Sessuologia (127739)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 32 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Agata 25

Salve a tutti. Mi chiamo Agata ed ho 25 anni. Vivo con estremo disagio una situazione che si protrae oramai da anni. La mia situazione familiare solo adesso sembra assumere una parvenza di normalità, in passato, nell'infanzia, ho avuto un padre violento ed una madre silenziosa, che non mi ha mai stimata e nei confronti della quale provo una profonda delusione. La mia situazione lavorativa è precaria, alienante, pur essendo laureata non riesco a trovare una lavoro che mi soddisfi pienamente. La mia situazione affettiva è forse il capitolo più sofferente. Ho attenzioni particolari verso individui del mio stesso sesso, mi sento attratta dalle donne, così come dagli uomini, nei confronti dei quali però nutro spesso un sentimento di amore e talvolta però anche di sfida. Non ho mai avuto rapporti reali con una donna, mi sono sempre innamorata di uomini che mi facevano soffrire e che non mi capivano.Vorrei sapere come si forma l'identità sessuale di un individuo? Come posso tornare indietro negli anni e curare la falla provocata dal non affetto dei miei genitori, desidero avere una famiglia, dei figli, sentirmi donna. Ma spesso in me sento l'esigenza di affermare una forza, una tenacia che mi distingua dalle altre donne e che mi protegga dagli uomini. Le chiedo consiglio e la ringrazio per l' attenzione.

Cara Agata, dal racconto si evince la sofferenza provata nel periodo evolutivo e la tua psiche ha subito dei traumi a causa delle disaffezioni genitoriali in special modo da parte della figura paterna, maschile. La domanda che poni sull'identità di genere o orientamento sessuale non può avere una risposta esatta poichè occorre avere molti più elementi per valutare e accettare il proprio orientamento sessuale. Provo a dare una risposta con il beneficio del dubbio: mi sembra che tu sia eterosessuale, ma che ci siano problematiche irrisolte con la figura maschile. Provi quindi a rivolgerti verso la figura femminile, ma anche qui trovi dei vuoti che non gratificano la tua fantasia. Consiglio, prima di determinare l'appartenenza sessuale, di consultare e iniziare una terapia da uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico che ti aiuti a far riemergere e a rimuovere le problematiche che ti affliggono. Auguri.

(risponde il Dott.Sergio Puggelli)

Pubblicato in data 05/11/08

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni