Pubblicità

Sessuologia (133334)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tina 33

Gentile dottore, sono cresciuta in un ambiente molto religioso (cattolico) e condividevo le idee dell'amore e del dono totale di sè nell'atto sessuale. Il mio ex fidanzato, con cui sono stata per anni, condivideva le mie idee essendo cresciuto nello stesso ambiente e insieme abbiamo deciso di astenerci dal fare l'amore fino al matrimonio, che tra l'altro stavamo pianificando. Pensavo fosse l'uomo della mia vita, (ci conoscevamo e frequentavamo già da ragazzi) per questo l'attesa era essa stessa bella e densa di significati. Poi, però, lui mi ha lasciata e il nostro gruppo di amici mi ha voltato le spalle poco alla volta con la solita scusa che per loro era difficile scegliere uno di noi due. Mi sono ritrovata sola, ferita e disillusa dall'unico mondo che conoscevo. Per anni non mi sono più innamorata convinta che, se proprio lui che ritenevo il mio uomo ideale si era comportato così allora non c'era da fidarsi di nessun altro uomo. Nel frattempo molte delle mie convinzioni "morali" di un tempo sono cambiate, si sono evolute e modificate. Uscendo dal "guscio" morale di cui il mondo cattolico mi aveva circondata (e qui devo quasi ringraziare l'abbandono del gruppo storico), mi sono riscoperta aperta al mondo. Beninteso, io continuo a sentirmi cattolica, ma non condivido più tante limitazioni e costrizioni emotive che creano frustrazioni e paure. Di recente, straordinariamente, è entrato nella mia vita un uomo meraviglioso. Il suo passato è diverso dal mio e, ovviamente, ha già avuto rapporti con le sue due ex compagne. Io sento di voler condividere con lui anche l'amore fisico ma mi rendo conto di sentirmi inibita. Lui non smette mai di dirmi che mi trova eccitante, che gli piacciono le sensazioni che gli suscito ma questo non riduce il mio non riuscire a "vedermi" attraente dal punto di vista sessuale. Ogni volta che mi sento di prendere l'iniziativa, un tarlo nel mio cervello mi ripete che sono solo un buffo impiastro e tutto va a rotoli. E' come se non riuscissi a visualizzare me stessa come "donna sessualmente eccitante", mi sento ridicola. Il mio fidanzato è molto paziente, ma in passato si è sentito rifiutato fisicamente dalla sua ex e io temo che le mie inibizioni possano ferirlo venendo percepite da lui come scarso desiderio. Cosa assolutamente falsa! Come posso fare per rimuovere le mie inibizioni e amare finalmente serenamente? Grazie
Cara Tina, le convinzioni religiose purtroppo condizionano enormemente le emozioni e in particolare quelle sessuali. Capisco che per rimuovere tutto un credo sia cosa non facile, ma credo altresi che consultando uno psicologo psicoterapeuta psicodinamico sia la soluzione migliore per risolvere i problemi sopra descritti. Consiglio di leggere il libro: L'amore, la sessualità non hanno età edito da Bastogi, dove si spiegano molte cose inerenti sia al corpo sia ai rapporti di coppia da un punto di vista emotivo e sessuale. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Puggelli)


Pubblicato in data 15/04/09

Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Burnout

Il burnout è generalmente definito come una sindrome di esaurimento emotivo, di depersonalizzazione e derealizzazione personale, che può manifestarsi in tutte q...

News Letters

0
condivisioni