Pubblicità

Sessuologia (162365)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 52 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Danilo, 20

 

Gentile Dottore,
mi chiamo Danilo e ho dei problemi che riguardano la masturbazione e il sesso: vi spiego meglio, da quando ero piccolo sono stato abituato a masturbarmi sdraiato a pancia in giù e strusciando il pene contro una qualsiasi superficie, generalmente letto o pavimento, per riuscire ad eiaculare. Ho scoperto più in là che altre tecniche come il classico movimento di mano non mi portano allo stesso risultato e nessun metodo riesce a farmi godere tranne quello accennato prima. Ora capirete bene che con una ragazza tutto ciò è ancora più grave e mette realmente a disagio.
Inoltre, tanto per complicare le cose, sono anche feticista del piede femminile, anche se ho scoperto da poco tempo che, quando mi trovo con una ragazza, mi eccita anche la normale visione femminile comune agli uomini, ma per breve tempo; tuttavia quando si arriva al dunque, io non riesco a mantenere un'erezione netta, vuoi per la non proprio bellezza della controparte, vuoi per l'ansia e vuoi forse per i miei interessi che potrebbero non farmi apprezzare la normale pratica sessuale.
Dato che la mia ex mi spinge a fare l'amore con lei e dato che io essendo vergine ed amandola lo vorrei con tutto il cuore, non c'è niente che possa o possiate fare per aiutarmi a risolvere questo problema o sono forse condannato? Il problema sia della postura della masturbazione e quindi di un adeguato raggiungimento all'orgasmo del pene e del feticismo, che io sto cominciando ad odiare.
Mi sento veramente a pezzi, dato che vorrei guarire da questa orribile forma di condizione sessuale da cui sono oppresso e vorrei avere una vita normale, magari con un metodo psicoterapeutico di breve durata.
Ho cominciato addirittura a non masturbarmi più nè per le visioni feticistiche nè per altro per riuscire a cambiare.
Vi prego con tutto il cuore di aiutarmi.
Ringrazio per le gentili risposte.

Caro Danilo,
dal racconto si evince che oltre a comportamenti parafiliaci non altrimenti specificati, come li ben descrivi, c'è anche il problema verginità, che a venti anni può nascondere delle problematiche psicologiche.
E' altrettanto chiaro che l'ansia che sopraggiunge è per la prestazione che vuoi fare e tutto ciò è sbagliato.
Ti consiglio di consultare uno psicoterapeuta psicodinamico e sessuologo che possa aiutarti prima individualmente e poi in coppia a superare le difficoltà che hai descritto, i risultati delle problematiche esposte sono ottimi in special modo quando fra i partner c'è anche l'amore.
Auguri

 

(Risponde il Dott. Sergio Pugelli)

Pubblicato in data 23/05/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni