Pubblicità

sessuologia (45653)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 243 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea, 40anni (22.11.2001)

Sinteticamente : sono sposato da 5 anni e mia moglie ha 35 anni .Dal punto di vista sentimentale non abbiamo probblemi perche' ci amiamo moltissimo .
Il mio probblema e' invece sessuale . ..premetto che i primi tempi che stavamo assieme avevamo rapporti anche quotidiani . Inoltre spesso era lei che prendeva l'iniziativa cominciando anche il rapporto con sesso orale ( che a me piace moltissimo ).Senonche' ben presto ha smesso l'inizio dei preliminari col sesso orale .Io ci sono rimasto molto male anche perche' e' un'abitudine che ho sempre praticato con le mie precedenti ex ( e ci tengo a specificare che non l'ho mai imposto ma sono sempre state le ragazze che lo facevano spontaneamente , anche perche' sono un bel ragazzo , e poi , per principi morali , non impongo niente a nessuno .)
Quando ho chiesto il perche' a mia moglie mi ha confessato che fare l'amore con me gli piace moltissimo ( e la cosa e' reciproca ) ma che pero' quella pratica a lei ha fatto sempre " schifo " e che all'inizio lei mi faceva il sesso orale perche' ci teneva moltissimo a me ed il suo " sesto senso " aveva capito che sicuramente le mie ex me lo facevano .
Io all'inizio ho pensato , ed ancora resto di questa opinione ,che sicuramente non si puo' distruggere un'unione solo per quello.Pero' piu' passa il tempo e piu' quella pratica mi manca . Ne ho riparlato piu' volte ma lei e' rimasta sempre ferma sulle sue posizioni . Ho cercato (sempre parlandone con molta delicatezza e senza farne mai delle tragedie ) di arrivare a dei compromessi del tipo se me lo faceva col preservativo ( in quanto e' emerso che non gli faceva schifo l'atto in se' , quanto l'eiaculazione in bocca ) . Per qualche volta me l'ha fatto pero' sempre di seguito a " mia preghera " . Ad un certo punto pero' io mi sono sentito umiliato di chederglielo sempre e cosi' non glielo chiesto piu'anche per vedere come reagiva .
La reazione e' stata che quello del sesso orale e' oramai per me un "caro ricordo" di gioventu' . A parte l'ronia mi sento frustrato , e a volte mi succede di vedere delle belle coppie come noi , e mi vengono dei pensieri del tipo : "sono sicuro che lei a lui glielo fa' " .Mi sto accorgendo pure di stare diventando timido che prima non lo ero . Confesso pure che una volta l'ho tradita sempre per quel motivo ma poi me ne sono pentito amaramente e non l'ho fatto piu' ( non e' per vantarmi ma se volessi potrei cambiare amante ogni settimana e se non lo faccio e' proprio perche' credo nel valore dei sentimenti ).
In definitiva adesso mi ritrovo da un lato innamorato e dall'altro frustrato sessualmente ; che fare?

Caro Andrea , se l'amore che provi per tua moglie é così grande e fare sesso con lei ti piace tanto, come fai a sentirti "frustrato sessualmente" - in senso totale, così sembra da come ti esprimi - perché ti manca un certo tipo di pratica sessuale, piacevole in dubbiamente alla maggior parte dei maschi, ma non certo così completa ed appagante per la partner ? Nella maggior parte delle persone il sesso orale - sia da parte maschile che femminile - fa parte più spesso dei prelimiari , per passare poi a un rapporto più coinvolgente , completo e appagante per entrambi. Fissarsi al rapporto orale e sentirne così forte la mancanza potrebbe denotare più passività e desiderio di ricevere, che voglia di dare e fare felice la partner (sopratutto se questa confessa che non le piace e -almeno - non vuole che il rapporto si concluda in bocca) ... insomma il tutto fa credere che "l'essere felici in due" nel rapporto sessuale rappresenti per te ancora un traguardo da perseguire, superando le tue componenti narcisistiche ed egocentriche ancora prevalenti.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (1539692710493)

JESSICA,40     Vivo un periodo difficile, dove l'ex del mio compagno fa di tutto per farti saltare le rotelle...e ci riesce, mi spia nei social, ...

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni