Pubblicità

sessuologia (45653)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 258 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Andrea, 40anni (22.11.2001)

Sinteticamente : sono sposato da 5 anni e mia moglie ha 35 anni .Dal punto di vista sentimentale non abbiamo probblemi perche' ci amiamo moltissimo .
Il mio probblema e' invece sessuale . ..premetto che i primi tempi che stavamo assieme avevamo rapporti anche quotidiani . Inoltre spesso era lei che prendeva l'iniziativa cominciando anche il rapporto con sesso orale ( che a me piace moltissimo ).Senonche' ben presto ha smesso l'inizio dei preliminari col sesso orale .Io ci sono rimasto molto male anche perche' e' un'abitudine che ho sempre praticato con le mie precedenti ex ( e ci tengo a specificare che non l'ho mai imposto ma sono sempre state le ragazze che lo facevano spontaneamente , anche perche' sono un bel ragazzo , e poi , per principi morali , non impongo niente a nessuno .)
Quando ho chiesto il perche' a mia moglie mi ha confessato che fare l'amore con me gli piace moltissimo ( e la cosa e' reciproca ) ma che pero' quella pratica a lei ha fatto sempre " schifo " e che all'inizio lei mi faceva il sesso orale perche' ci teneva moltissimo a me ed il suo " sesto senso " aveva capito che sicuramente le mie ex me lo facevano .
Io all'inizio ho pensato , ed ancora resto di questa opinione ,che sicuramente non si puo' distruggere un'unione solo per quello.Pero' piu' passa il tempo e piu' quella pratica mi manca . Ne ho riparlato piu' volte ma lei e' rimasta sempre ferma sulle sue posizioni . Ho cercato (sempre parlandone con molta delicatezza e senza farne mai delle tragedie ) di arrivare a dei compromessi del tipo se me lo faceva col preservativo ( in quanto e' emerso che non gli faceva schifo l'atto in se' , quanto l'eiaculazione in bocca ) . Per qualche volta me l'ha fatto pero' sempre di seguito a " mia preghera " . Ad un certo punto pero' io mi sono sentito umiliato di chederglielo sempre e cosi' non glielo chiesto piu'anche per vedere come reagiva .
La reazione e' stata che quello del sesso orale e' oramai per me un "caro ricordo" di gioventu' . A parte l'ronia mi sento frustrato , e a volte mi succede di vedere delle belle coppie come noi , e mi vengono dei pensieri del tipo : "sono sicuro che lei a lui glielo fa' " .Mi sto accorgendo pure di stare diventando timido che prima non lo ero . Confesso pure che una volta l'ho tradita sempre per quel motivo ma poi me ne sono pentito amaramente e non l'ho fatto piu' ( non e' per vantarmi ma se volessi potrei cambiare amante ogni settimana e se non lo faccio e' proprio perche' credo nel valore dei sentimenti ).
In definitiva adesso mi ritrovo da un lato innamorato e dall'altro frustrato sessualmente ; che fare?

Caro Andrea , se l'amore che provi per tua moglie é così grande e fare sesso con lei ti piace tanto, come fai a sentirti "frustrato sessualmente" - in senso totale, così sembra da come ti esprimi - perché ti manca un certo tipo di pratica sessuale, piacevole in dubbiamente alla maggior parte dei maschi, ma non certo così completa ed appagante per la partner ? Nella maggior parte delle persone il sesso orale - sia da parte maschile che femminile - fa parte più spesso dei prelimiari , per passare poi a un rapporto più coinvolgente , completo e appagante per entrambi. Fissarsi al rapporto orale e sentirne così forte la mancanza potrebbe denotare più passività e desiderio di ricevere, che voglia di dare e fare felice la partner (sopratutto se questa confessa che non le piace e -almeno - non vuole che il rapporto si concluda in bocca) ... insomma il tutto fa credere che "l'essere felici in due" nel rapporto sessuale rappresenti per te ancora un traguardo da perseguire, superando le tue componenti narcisistiche ed egocentriche ancora prevalenti.
Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia ingestibile (15442947529…

Sofia, 17     E' da un anno che la mia vita non é più come era prima. a causa del tanto stress provocato probabilmente dalla scuola e dalla famig...

Disturbo alimentare (154418616…

Isa21,  20     Carissimo psiconline, saró breve e cercheró di spiegare come mi sento in maniera piú chiara possibile.Vivo all'estero per st...

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disfunzioni Sessuali

La classificazione proposta dall’ICD-10 (International Classification of Diseases, Decima Versione) indica, innanzitutto, quattro criteri generali per poter d...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

News Letters

0
condivisioni