Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessuologia (45709)

on . Postato in Sessualità | Letto 170 volte

Roby, 23anni (24.11.2001)

Buongiorno,sono un ragazzo studente di 23 anni ed ho un problema di carattere sessuale con la mia ragazza,coetanea.Non riesco ad avere un rapporto completo con lei. Dopo esserci incontrati(un anno fa)abbiamo attraversato una fase di soli "preliminari". Solo successivamente, quando ci siamo conosciuti meglio, abbiamo deciso di concederci completamente: per lei era la prima volta,per me la terza. Ci abbiamo provato e riprovato con suo grande coraggio,dato che mi diceva ogni volta di continuare, ottenendo la lacerazione dell' imene, segnalata dalla leggera perdita di sangue in 2 occasioni e inducendomi a pensare che ci eravamo riusciti. In tutte le volte successive però per lei il dolore si ripete tanto da non consentirle ancora un orgasmo e da non permettermi di penetrarla completamente (i muscoli della parete sono troppo contratti), mentre con un dito non prova quasi dolore ma neppure niente di piacevole. Mi ha raccontato che con i ragazzi precedenti ha avuto contatti sporadici che cercava di evitare perché le sembrava di fare una cosa strana, e per di più ne è rimasta delusa dato che la sua inesperienza in materia veniva rimarcata non proprio in modo dolce.Con me invece si sentiva più sicura. Vorrei sottolineare che non manchiamo certo di sintonia sessuale e nella fase "preliminari" abbiamo sempre raggiunto l' orgasmo con disinvoltura (naturalmente per lei solo clitorideo) A questo punto penso che la causa sia psicologica.
Ho letto sul vostro sito patologie analoghe e mi sembra di aver capito che i genitori giocano un ruolo determinante,infatti i suoi sono molto rigidi in questo campo, a mio avviso lo vedono come un tabù, tant'è che le da pure molto fastidio baciarsi in pubblico. Ora lei è molto amareggiata xchè non vede niente di piacevole nel sesso, dice che non ci vuole più pensare e ha cominciato a dubitare che io sia la persona giusta anche se prima del ultimo tentativo eravamo felicemente innamorati.
Così vorrei chiederle che ruolo gioco io nella sua mente? Dovrei cercare di trasmetterle il massimo della fiducia standogli vicino e aspettare che si senta sicura? Come possiamo risolvere la crisi? Ancora, consiglia di ricorrere ad una seduta di qualche suo collega?
Grazie in anticipo e complimenti per il sito.Il vostro lavoro è davvero prezioso.

Gentile Roby, la sua lettera è molto minuziosa, mi sembra una persona critica e riflessiva, sarebbe però utile che un discorso così aperto lo avesse affrontato anche con la sua fidanzata, non so se lo ha già fatto in questi termini, e comunque i casi sarebbe utile che fosse lei in prima persona a porsi delle domande, anche rispetto al ruolo dei suoi genitori, all'educazione, alla cultura impartita. In genere è così, questi lementi che lei ha èpreso in considerazione guiocano un ruolo, ma vanno messi in relazione ad altri fattori che solo la persona direttamente interessata può raccontare. Questo perché è importante valutare elemnti della relazione e della dinamica familiare che nessun'altro può raccontare meglio di chi e come li vive la persona interessata. Indubiamente qualche consulenza potrebbe aiutarvi a chiarire meglio delle cose quali appunto il ruolo che lei gioca in quella relazione, il truiolo dei suoi genitori ed altri elementi che la sua ragazza indicherà.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Il termine fissazione può avere significati diversi: Rinforzo di una tendenza o reazione, che porta alla nascita di un ricordo o di una abitudine motoria. F...

Satiriasi

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano Il termine ...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

News Letters