Pubblicità

sessuologia (48458)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gino,23anni (15.2.2002)

Gentile dottore vorrei ringraziarla anticipatamente per il tempo che vorra dedicarmi.io sono un ragazzo di 23 anni vivo in famiglia con mia madre e mia sorella ,mio padre è morto quando avevo 12 anni,lavoro da 7 anni.il mio problema riguarda la paure che ho di diventare gay o bsx,nell'adolescenza non ho mai avuto problemi mi piacevano le ragazze e mi piacciono tuttora,cercavo di avere una ragazza ma non mi filava nessuno infata la mia prima storia e stata a 17 anni.la prima volta che mi è venuta questa paura avevo 14 anni,è durata un paio di mesi e poi e scomparsa come era venuta, da allora ogni tanto si fa viva sempre per un paio di mesi.quando non ho questa paura vivo benissimo sono felice euforico mi eccito normalmente,sono stato insieme ad una ragazza per 4 anni e noin ho mai avuto problemi anche se non abbiamo mai fatto sesso completo per nostra scelta.la prima volta che ho fatto sessoe stato a 17 anni con una prostituta,visto che non mi si filava nessuno e non è stata un esperienza eccezionale,la paura l'insicurezza e tutto il resto.poi l'ho fatto con una ragazza che mi piaceva ma di fratta perche la mia fidanzata mi stava aspettando quindi sono venuto in tempo record.quest ultima volta la paura non vuole sparire e gia da 5 mesi che me la porto dietro,tra l'altor mi e venuta nel periodo che la mia ragazza mi ha lasciato(ragazza che io amo alla follia)ora ci rivediamo ed io non ho problemi nell'erezione e nemmeno nell'eiaculazione pero e sempre presente questa paura forse anche paura di poter perdere tutto(perche se io dovessi diventade gay la mia vita non avrebbe senso)quindi mi trovo a lottare giorno pùer giorno con questa paura infatti non riesco nemmeno a guardare un ragazzo in faccia oper il terrore che mi possa attrarre fisicamente.ho notato che nei periodo che anticipa questa paura che mi vengono spesso dei brividi mi sento spossato mi fanno male le gambe e mi viene in continuazione di urinare,poi ho una fase in cui sono sempre eccitato tanto da masturbarmi anche 4 volte al giorno ,sempre immaagginando donne e poi arriva la paura.quello che vorrei chiederle è: a cosa e dovuta questa paura? quali possono essere le cause?nasconde qualche stato di omosessualita nascosta? si puo guarire da questa cosa?come?.io sento dentro di me di essere maschio e so per certo di non voler diventare nient'altro. dimenticavo io nella mia vita ho avuto altre paure come quella che mi potessero spuntare dei fantasmi di notte, di diventare pedofilo,e quella di non soddisfare a pieno la mia conpagna infatti quando ho dei rapporti sono teso perche ho paura di eiaculare troppo in fretta e quindi non riesco a godermela fino in fondo. Vi ringrazio nuovamente e vi prego di rispondermi perche non ce la faccio più grazie

Dalle cose che dice mi sentirei di potere escludere che lei sia omosessuale; non prova attrazione per i ragazzi e non ne fa oggetto delle sue fantasie erotiche, ha ed ha avuto rapporti con ragazze, anche se un po' caotici ed ansiosi. Resta però la paura ( se non il suo oggetto che può prendere varie forme: la paura di essere omosessuale ora, quella di diventare pedofilo o altro prima) ed è questa, in sè, che deve curare.L'attegiamento fobico che lei descrive con accentuati sintomi di ansia ( a cui possono essere ricondotti la spossatezza, i brividi, il frequente bisogno di urinare) può avere diversi motivi consci ed inconsci all'origine: non è possibile stabilirne uno per tutti senza un indagine attenta sulla storia personale, familiare ed affettiva, della persona che sta male.Una adeguata psicoterapia integrata ad una cura farmacologica per diminuire l'ansia ( prescritta da un medico specializzato) costituiscono senz'altro la soluzione per rimuovere il suo attuale stato di confusione e disagio.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

News Letters

0
condivisioni