Pubblicità

sessuologia (48848)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 53 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fabio,28anni (22.2.2002)

Buongiorno. Io ho un problema con la mia fidanzata, che sta mettendo in crisi il nostro rapporto. Stiamo insieme da un anno e mezzo circa e conviviamo da un anno scarso. Io ho 28 anni, studio ingegneria (mi manca un esame alla laurea), lavoro in uno studio di architettura. La mia fidanzata lavora come ricamatrice industriale su tute automobilistiche.
Il problema è che facciamo poco sesso. Questo, naturalmente, solo per me, perchè per lei la nostra vita sessuale è soddisfacente. Il mio problema è che non mi sento desiderato; tutte le sere andiamo a letto e lei si addormenta in un batter d'occhio, mentre io rimango sveglio, desiderandola e sentendomi frustrato. Naturalmente ogni tanto le comunico il mio desiderio di lei, ma lei si rifugia nella giustificazione che è stanca ed io rinuncio al mio attacco......Devo dire che quando facciamo l'amore è di "ottima qualità" ed entrambi stiamo bene, raggiungendo l'orgasmo.Quando io le faccio l'osservazione che mi desidera poco, lei risponde che per lei il sesso non è così importante e potrebbe stare settimane senza sentire la necessità e la voglia di farlo, mentre osserva il fatto che per me è troppo importante. Allora ho provato a non manifestarle più il mio desiderio per qualche giorno e dopo una settimana circa mi ha rimproverato di sentirmi distante e di sentirsi non desiderata.A questo punto il mio dilemma è: è lei che è troppo occupata dal lavoro, dalla casa, dagli amici e pensa troppo poco al sesso finendo per scordarsi quanto è bello, oppure sono io che ho solo questo canale per sentirmi amato e desiderato?
Grazie in anticipo per il vostro aiuto

Caro Fabio (28 anni) Come si fa , alla tua età, a conciliare le diverse aspettative (maschio/femmina) verso il sesso praticato? Sembra che l'opportunità ,data dalla convivenza, crei in te aspettative molto maggiori ( i maschi sono disponibili sempre) di quelle di lei (che però si lamenta se non si sente desiderata e ti "adegui" alla sua non-voglia di praticarlo, pur essendo bello e soddisfaciente per entrambi. Un trucco potrebbe essere quello di incominciare a farle la corte di mattina, appena svegli. Poi continuare tutto il giorno ( sorprese, messaggini, omaggi floreali, pensieri carini...) in modo di arrivare alla sera che lei non aspetta altro... che essere presa fra le tue braccia! Non facile, ma non impossibile. Ricorda che i maschi vengono da Marte, e le donne da Venere. Una buona intesa fra le diverse aspettative dei due generi la trovi anche su un bel libretto dei coniugi A. e B. PEASE, "Perché le donne... e gli uomini..." Ed. Sonzogno, Milano, 2001 ) . Buona lettura. Ci risentiamo dopo.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

Dipendenza

La dipendenza è una condizione di bisogno incoercibile di uno specifico comportamento o di una determinata sostanza (stupefacenti, farmaci, alcol, shopping, Int...

News Letters

0
condivisioni