Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

sessuologia (49009)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Angela, 25anni (25.2.2002)

Frequento da poco tempo un ragazzo di 6 anni + grande di me.Ho avuto altre storie importanti e complicate per la differenza d'età e circostanze familiari esterne,ma questo rapporto a me risulta del tutto assurdo.Lui ha una passione per i piedi,toccarli,leccarli e credo desideri un'azione da parte mia utilizzandoli,non so come,al fine di una maggiore eccitazione.Per quanto riguarda l'erezione era un problema che adesso sembra risolto,ma è lui che si stimola e si masturba continuamente,per di più annusando fortemente vari parti del corpo,anche in presenza del ciclo mestruale,il che fa aumentare il suo grado di eccitazione. io non posso intervenire,se no tutto decade e poi mi sento stupida ed incapace di capire i suoi bisogni,non so prorio come comportarmi,l'unica cossa che posso fare,su esplicita richiesta,è toccargli e stringergli i capezzoli.io non provo piacere,non arrivo all'orgasmo...lui ha paura di qualsiasi malattia,una sorta di ipocondriaco,con complessi di inferiorità,inadeguatezza...e non so se possa contare il fatto che è stato adottato nei primi mesi di vita.da 2 anni il padre è ammalato di tumore,creando in lui rabbia violentissima,sbalzi d'umore,impotenza,frustazione e fallimento.se potete dirmi se tutto ciò può influenzare in qualche modo queste sue manie a livello sessuale e se potete consigliarmi e dirmi cosa posso fare per togliermi da questo imbarazzo, premettendo che non intenderei cercare di parlargli di queste cose per non creargli altri problemi.
grazie di tutto!arrivederVi

Cara Angela la prima cosa che deve essere indagata nel legame con questo ragazzo è la tua sfera affettiva. E' evidente che i rapporti intimi non ti gratificano e che questo tipo d'approccio sessuale ti crea una forte sensazione d'inadeguatezza mista a frustrazione. Perché stai con lui, te lo sei mai chiesta? Per una coppia è molto importante avere una buona intesa sessuale. Anche se, il più delle volte, all'inizio della relazione tale intesa non c'è o non è delle migliori si può acquisire con il tempo, l'importante è che tra i partners si stabilisca un buon dialogo e reciproca fiducia. Maggiore è il grado d'intimità e conoscenza che si stabilisce nella coppia maggiori saranno le possibilità di raggiungere una buona intesa sessuale. Spesso nella vita di coppia e di relazione, specialmente quando non c'è o scarseggia la comunicazione, si compiono errori di valutazione perché si è portati ad attribuire a chi ci sta vicino bisogni che in realtà sono soltanto nostri. Questo succede anche nella sessualità ed è per questo che è necessario aprirsi vicendevolmente, senza falsi pudori, in maniera che il rapporto sessuale risulti per entrambi un'esperienza esaltante. Scusami se mi sono dilungata molto su questo punto ma volevo farti capire che nel tuo rapporto manca la premessa fondamentale: il dialogo.Analizzare il perché e il per come di quello che tu trovi "un comportamento sessuale assurdo" non ti serve a niente se non lo accetti, e se per te è motivo di malessere. Quello che tu reputi "un comportamento assurdo" un'altra compagna potrebbe trovarlo estremamente eccitante, quindi, o gli palesi chiaramente le tue difficoltà prospettandogli l'idea di consultare uno specialista, con obiettivo di aiutarvi a trovare un punto d'incontro per una sessualità soddisfacente per entrambi, oppure lo lasci

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters

0
condivisioni