Pubblicità

sessuologia (49145)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 39 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Alessandro , 22anni (27.2.2002)

Salve dottore, sono un ragazzo di 22 anni, e vorrei descrivere un mio problema che ritengo sia diventato abbastanza angosciante. Mi voglio riferire al fatto che nel momento in cui ho rapporti sessuali con la mia ragazza, molto spesso mi succede che raggiungo l'orgasmo prima del dovuto. Il problema sta nel fatto che il grado di eccitamento che provo durante i preliminari è altissimo, e quando comincia la penetrazione avverto una forte sensibilità provocando un coito non voluto. Il problema non credo che sia da attribuire al fatto che i preliminari mettono a repentaglio le mie prestazioni, favorendo un maggior veloce amplesso, perchè succede anche quando questi ultimi (i preliminari intendo) vengono saltati. La situazione diventa incresciosa, come può ben capire, e nn riesco a capire se è più un problema psicologico oppure fisico. Ho provato a nn pensare a questa situazione durante l'amplesso, ho provato a stare il + rilassato possibile, ma i risultati sono pressoché nulli. Adesso, ho pensato di chiedere spiegazioni in giro, perchè vorrei risolvere questo problema che ritengo di primaria importanza. Confido quindi in tutta la sia professionalità e ringrazio anticipatamente per il servizio e l'attenzione offertami.
Cordiali Saluti

Caro Alessandro prima di tutto ti consiglio di consultare un andrologo per capire se la sensibilità che riferisci può dipendere da un disturbo organico. Se da questa prima visita risulta tutto regolare devi seguire la via di uno psicosessuologo perché in questo caso il problema è senz'altro di natura psicologica. Nel caso sia valida questa seconda ipotesi non allarmarti in quanto è un problema d'ansia che con un trattamento adeguato può essere risolto in modo brillante. Molto probabilmente per risolvere il problema basteranno pochi incontri con lo specialista. Nel frattempo ti consiglio di abbandonare i rimedi che stai mettendo in atto perché non fanno cha peggiorare la situazione.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni