Pubblicità

Sessuologia (50728)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 65 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Iaia,24 anni, 18.06.02

Ho un problema che sta comprometendo il rapporto con il mio ragazzo. Sto con lui da 8 mesi; il nostro rapporto non è tutto rose e fiori,ma ci vogliamo molto bene. Il problema viene a letto: lui vorrebbe farlo sempre, io mai, e questo perchè non mi eccito, per non parlare del fatto che non mai raggiunto l'orgasmo. Penso sia importante dire che prima di stare con lui non ho avuto nessuna storia importante ed ero vergine. Questo ha influito molto, e devo ammettere che il mio ragazzo all'inizio non è stato molto "paziente".I primi rapporti erano terribili, io sentivo male, ma pensavo di dover superare un blocco. Adesso va molto meglio, a volte riesco anche ad eccitarmi un po', ma mai ad arrivare in fondo. Lui oltretutto ci tiene tantissimo a questo aspetto, e mi chiede di fare cose che a lui fanno piacere, niente di stravagante o perverso, ma a me non piace niente!! Piano piano mi sto sciogliendo, ma non prendo mai l'iniziativa.Devo anche ammattere che lui fa tutto quello che gli chiedo e che mi fa piacere, il guaio è che neanch'io so cosa voglio !!! E un particolare significativo è che non mi piace come bacia: ho provato a dirglielo, ma lui non può farci niente!!! Sono disperata!!! Aggiungo che le occasioni per farlo sono molte, perchè io vado spesso a casa sua (vive con i suoi) e stiamo sul letto a guardare la tv, e lui pensa subito a "quello"...quando proprio non voglio glielo dico, ma a volte lo facciamo lo stesso, anche se è quasi sempre una pena per entrambi, perchè a lui dispiace per me, e non vuole farlo, non vuole "usarmi".Inutile dire che io mi sento in colpa da morire!!! Non so se è un problema psicologico (sono un tipo che fa molta fatica a lasciarsi andare) o proprio fisiologico. Vi prego, datemi una mano!!! Grazie per l'ascolto

Cara Iaia per poter avere un'idea più chiara del perché di queste reazioni nei confronti del sesso avrei avuto bisogno di qualche informazione in più. Conoscere il tipo di rapporto che hai con il tuo corpo, se hai mai praticato l'autoerotismo, il tipo di educazione sessuale ricevuta e il perché hai aspettato ad avere rapporti sessuali completi avrebbe potuto agevolarmi nell'intervento. Moltissime persone non si masturbano perché considerano questa pratica peccaminosa e foriera di disgrazie, in realtà questo tipo di approccio alla sessualità può aiutare moltissimo a prendere confidenza con il proprio corpo ed a scoprire quali sono le cose che ci procurano maggior piacere. Credo per te sarebbe importante, dal momento che sostieni di non saperlo, scoprire attraverso questa pratica quali sono le zone del tuo corpo e le cose che ti possono dare piacere. L'esplorazione del corpo e la ricerca del piacere autoindotto oltre ad essere passaggi importanti per entrare in intimità con il ns corpo lo sono altrettanto per sentirsi liberi e disinibiti con il partner così da eliminare quelle tensioni che in molti casi rendono difficili i rapporti. Per adesso astenetevi dall'avere rapporti con penetrazione e imparate a prendere il piacere dalla stimolazione dell'intero corpo nudo con carezze baci e tutto ciò che può servire ad aumentare la sensazione d'intimità e benessere. Per raggiungere l'orgasmo per il momento limitatevi alla stimolazione manuale. Prenditi tutto il tempo che vuoi, le forzature servono solo a peggiorare le situazioni. Per quanto riguarda il bacio spero che anche questo rientri nel contesto di una sessualità che ancora non ha trovato la dovuta sintonia. Questi sono piccoli consigli suggeriti dalla pratica clinica quotidiana ma, se le cose entro un mese o due non dovessero accennare a migliorare vi suggerisco di rivolgervi ad uno psico-sessuologo per una breve consulenza. Auguri.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Depressione post-partum (depre…

La depressione post-partum è un disturbo dell’umore che ha inizio entro le prime quattro settimane successive al parto. Se nella maggior parte dei casi la gest...

News Letters

0
condivisioni