Pubblicità

Sessuologia (63030)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 30 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonima 30 anni, 24.03.2003

Innanzitutto mi congratulo con voi per il sito che e' molto interessante e leggendo gli articoli e le domande degli utenti mi sono anche chiarita tante cose, e poi spero che mi diate una consulenza: vi prego tanto perche' questa e' la 3 volta che vi scrivo e ci tengo molto anche se so che non basta una lettera per capire tutto il caos che c'e' dentro una persona.
Mi sono lasciata da poco con una persona che stimavo molto e di cui a suo tempo sono stata anche innamorata ma non sono mai riuscita ad avere rapporti completi.
Forse e' stata la rigidita' della mia educazione ma di questo non mi rendevo conto, il punto che non abbiamo mai veramente affrontato i problemi e cosi' il rapporto si e' deteriorato. io non avevo mai voglia e quelle poche volte che ne avevo, visto che lui aveva difficolta' alla penetrazione mi stancavo subito...(mi sono fatta l'idea di soffrire di vaginismo e' possibile?).
Io non so se mi sono resa conto dopo questo fallimento di aver sbagliato tutto e cosa e' successo dentro di me, pero' mentre prima il sesso era lontano dai miei pensieri e non gli davo molta importanza adesso sta diventanto una ossessione.
Penso continuamente a conoscere una persona di cui innamorarmi e di riuscire ad avere una storia appagante ed oltrettutto (cosa che non avevo mai fatto ed anche in questo forse non ero normale!) qualche volta la sera mi accarezzo e provo a masturbarmi!!!come mai questo cambiamento?
Ho bisogno dell'aiuto di un esperto o forse posso sperare di essere diventata una persona normale e quindi anche di incontrare qualcuno con cui avere finalmente una relazione appagante? grazie

Cara anonima, la sessualità, pur essendo una delle cose più naturali che ci siano, spesso viene vissuta con una complessità di pensieri ed emozioni che allontano completamente dalla possibilità di poterla vivere tranquillamente; si sta male e si perde la razionalità, a discapito di una vita serena e nella confusione soprattutto si incomincia ad avere ansia verso ogni cosa.
Il mio consiglio, perciò, cercherà di essere semplice: se ti "sblocchi" da sola e riesci a sciogliere i nodi delle tue inibizioni, non c'è bisogno di ricorrere a tutti i costi al sostegno di uno psicoterapeuta, ma se non ci riesci inizia al più presto una psicoterapia supportiva e risolvi il tuo problema.
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

News Letters

0
condivisioni