Pubblicità

Sessuologia (77901)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 70 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Leo, 42 anni

E' da un pò di tempo che frequento una donna di quarantuno anni. La sua storia è un pò particolare e temo l'abbia condizionata talmente da non riuscire ad avere più stimoli sessuali. A venticinque anni è rimasta incinta del suo ragazzo con il quale stava da quasi sei anni ma senza avere mai rapporti sessuali. In pratica ci è rimasta al primo massimo secondo colpo. Appena avuta la notizia il ragazzo ha avuto paura e se ne è andato in Inghilterra lasciandola praticamente sola, con la sua famiglia molto ma molto tradizionale che non ha mai accettato l'evento e le ha dato filo davtorcere.
A distanza di quindici anni lei non ha mai più avuto relazioni, fantasticando anche sul ritorno del padre della figlia, cosa che è successo ma che l'ha fatta capire definitivamente che razza di persona era. Il sottoscritto è il primo quindi da quindici anni con il quale sta tentando di avere una relazione. Purtroppo a livello sessuale è completamente bloccata.
Ci ho messo tutto del mio per darle una mano ma mi sta venendo il dubbio che a distanza di tanto tempo la situazione stia diventando irrecuperabile. Le sarei grato se potesse darmi qualche suggerimento. Vi ringrazio anticipatamente,e vi saluto cordialmente.

Caro Leo, mi è purtroppo impossibile darle dei consigli pratici su come tentare di migliorare la vostra relazione sessuale: non conosco questa donna, e non sono quindi nelle condizioni di aiutarla. D’altra parte lei la conosce sicuramente bene e se malgrado tutti i suoi tentativi la situazione non si sblocca, allora credo che l’unica persona che in questa situazione può fare qualcosa è proprio la signora in questione. Evidentemente c’è un problema in lei, forse dovuto al trauma di questa prima storia andata male, o forse anche precedente…. Insomma, c’è un disagio, o se vogliamo un disturbo di tipo psicologico (e dunque sessuale) che andrebbe capito e affrontato.
Ma l’unica persona che può fare qualcosa in questo senso è lei stessa. Finchè questa donna non si decide a voler migliorare la sua vita sessuale e relazionale (nonché i suoi conflitti interni) non credo che nessuno possa darle una mano. Come spesso mi trovo a dire, per dare una mano ad una persona bisogna che questa sia pronta ad afferrarla e la voglia afferrare. Fuor di metafora, la sua compagna dovrebbe decidersi a farsi aiutare, possibilmente rivolgendosi a qualcuno. Per “qualcuno” intendo ovviamente uno psicoterapeuta, che la possa aiutare a risolvere i propri blocchi interiori che sono la causa della problematica sessuale. Se non ci ha mai pensato da sola, forse lei potrebbe suggerirle questa possibilità.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni