Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia (8888)

on . Postato in Sessualità | Letto 11 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Monica, 32 anni

Ciao, sono una donna di 32 anni abbastanza appagata. tempo fa ho sofferto di crisi di ansia dovuto a un post shock a causa di una malattia di mia madre e mi sono curata con psicofarmaci molto blandi per alcuni mesi.
Al momento mi sembra di stare bene ma c'e' qualcosa nella mia sessualita', fin da quando ero giovane, che non mi convince. mi e' capitato di avere dei fidanzati che mi ricordavano mio padre e ho sempre pensato di non aver risolto fino in fondo il mio complesso di elettra. soprattutto dal punto di vista sessuale.
Attualmente mi succede di uscire con un ragazzo favoloso che pero' in alcuni tratti mi sembra mio fratello, soprattutto quando siamo a letto. e' una persona a cui voglio molto bene e con cui ho appena iniziato una storia che mi fa felice, ma questo transfer sta diventando un po' pesante per me.
A volte racconto le cose a lui e mi sembra di averle dette a mio fratello e viceversa. E a volte evito di fare l'amore con lui per questo motivo. Non nascondo che le due figure maschili padre-fratello sono state davvero
forti nella mia vita. Mi e' anche capitato di fare dei sogni in cui facevo l'amore con il mio fidanzato
e la faccia non era la sua ma o di mio padre o di mio fratello.Volevo capire se e' normale, se forse non ho ancora effettuato il giusto distacco dalle figure maschili della mia vita, calcolando che mi capita praticamente
con ogni uomo che esco. E se cosi' e', qual'e' la strada giusta per staccarsi da tutto cio?

Cara Monica, lei mi sembra una persona molto analitica e consapevole di ciò che le succede. La situazione che mi descrive non è anormale, il legame con le figure della propria famiglia è forte, e probabilmente lo rimane per tutta la vita. Ma se questo legame incide in modo negativo nelle sue relazioni, potrebbe essere giunta l'ora di tagliare il cordone ombelicale. Potrebbe iniziare una psicoterapia, per capire il motivo per il quale le figure di suo padre e di suo fratello intevengono in modo così pesante nella sua vita, e per iniziare il processo di distacco da queste figure. È un processo lungo e complicato, come una seconda nascita, ma le assicuro che ne vale la pena. Molti auguri

( risponde la dott.ssa Serena Leone )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. È definita come una pau...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters