Pubblicità

Sessuologia e psiche (124278)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mara 34

Gentilissimo Dottore, sono una ragazza di 34 anni ed abito in provincia di Milano. Sono una Veterinaria. Le scrivo perchè vorrei chiarirmi alcuni dubbi che spesso e volentieri mi passano per la testa. Sono fidanzata da 4 anni con un ragazzo e posso dire che la storia tranne che con qualche alto e basso, funziona abbastanza bene. Dico abbastanza bene perchè viene a mancare o quasi, uno dei mattoni di una storia. Sì, sto parlando del sesso. Il mio fidanzato è molto dolce, tenero, premuroso ed io gli voglio un gran bene. Quello che non riesco a capire è il perchè quando mi trovo in quelle situazioni io non riesca a lasciarmi andare. O meglio la voglia c'è ma molto spesso subito viene soffocata da altro. Non so se sia un problema di testa o di altro ma so che alla fine diventa un inferno. E' vero che in passato sono stata con un altro ragazzo per sei anni che si comportava male, e forse mi ha tradita, e la prima volta, mi ha costretto ad avere un rapporto anale. Non le dico come ci sono rimasta e la sensazione che ho portato per mesi. Mi sentivo sporca, squallida, ma non capivo che in realtà la persona brutta era lui. Ho rimosso la storia a fatica ma dopo due anni single ho trovato questo nuovo ragazzo che tra l'altro conoscevo fin da bambina (ma ci siamo persi e ritrovati più volte). So che gli voglio bene, facciamo anche progetti insieme e sento dal profondo del cuore che lui è la persona giusta per me, ma allora perchè ho questo blocco? Abbiamo avuto periodi di crisi in cui ci siamo allontanati ma mi sono sempre resa conto che senza di lui non posso stare. Però mi chiedo perchè dal lato sessuale sono così una frana? Sono una ragazza estremamente sensibile e tra l'altro mi sento in colpa con il mio ragazzo. Ma mi chiedo, è colpa mia? Non so che dire. Ringrazio anticipatamente se mi vorrà dare un consiglio. Distinti saluti. Mara

Salve Mara, sicuramente l'esperienza negativa che lei ha avuto con il ragazzo nel passato l'ha segnata. Si rivolga ad uno psicologo esperto in sessuologia che potrà aiutarla a rielaborare il brutto momento e in generale il suo rapporto con la sessualità. Credo che in tal senso sarebbe utile alternare colloqui individuali a colloqui di coppia con il suo partner. Forse avendo una confidenza sessuale diversa in cui si parla apertamente dei gusti di entrambi, di cosa le farebbe piacere durante preliminari, si potrà man mano raggiungere una sessualità più appagante. Importante che lei senta vicino il suo fidanzato e che ci siano dei progetti: il vostro legame sintonico vi aiuterà ad affrontare apertamente il problema e a migliorare la situazione attuale.

(risponde la Dott.ssa Maristella Copia)

Pubblicato in data 13/09/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

News Letters

0
condivisioni