Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia, orgasmo (112403)

on . Postato in Sessualità | Letto 141 volte

Serena 18

Ho bisogno urgentemente di una soluzione al mio problema. Sarà ormai un mese che faccio l'amore con il mio ragazzo di cuo sono molto innamorata, ma non riesco a raggiungere l'orgasmo. Sembra quasi che la penetrazione mi dia un piacere relativo. Precedentemente mi masturbavo (anche ultimamente) attraverso la stimolazione del clitoride, ma tutto "all'esterno" senza alcuna penetrazione e ora che mi ritrovo a fare l'amore non raggiungo l'orgasmo. Ho provato a far capire anche a lui di stimolarmi anche in quel punto, ma non funziona... Cosa devo fare? Non so a chi rivolgermi e non penso sia una cosa normale non provare piacere. Inoltre le mia situazione sia quella familiare che sociale non mi danno alcuna preoccupazione, amo il mio ragazzo, tutto va per il meglio, quindi non penso sia nulla di legato alla mia psiche (nè traumi, nè nulla di mentale). Quindi cosa ho? Con questo ragazzo è stata la mia prima volta, ma vi ripeto che ormai sono parecchie volte che facciamo l'amore, quindi ho escluso la questione che siano le prime volte... Questa cosa comincia a preoccuparmi seriamente. Se tutto funziona e lui non ha alcun problema a raggiungere l'orgasmo, perchè io non lo provo? Per favore ho bisogno di un vostro parere tecnico, non so più cosa fare davvero. Aspetto una risposta. Grazie.

Cara Serena, da un punto di vista tecnico è importante sapere una cosa: l’orgasmo che si raggiunge attraverso la penetrazione è da un punto di vista fisiologico, indiretto, in quanto non esiste (come molti credono) un orgasmo vaginale. L’unico orgasmo è quello che proviene dalla stimolazione diretta o indiretta del clitoride. È quindi possibile che tu non riesca a raggiungere l’orgasmo attraverso la penetrazione perché in questo modo non c’è un livello di stimolazione sufficiente. Da un punto di vista più strettamente fisiologico, l’orgasmo rappresenta un totale lasciarsi andare all’altro ed alle sensazioni del proprio corpo; quindi se c’è qualche difficoltà in questo è molto difficile raggiungere l’orgasmo. Se anche per il tuo ragazzo queste sono le prime volte, è possibile che entrambi abbiate ancora bisogno di sperimentarvi per trovare ciò che vi dà più piacere. Dato che mi scrivi che siete molto innamorati ed avete un buon livello di comunicazione, penso che potresti parlare con lui di questa cosa, ed insieme potreste cercare nuove posizioni, nuovi modi di fare l’amore che siano soddisfacenti per entrambi. Fallo pure con grande tranquillità…in fondo è una ricerca divertente. Auguri.

(risponde la Dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 31/01/08

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opi...

News Letters