Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sessuologia, psicologia (1976)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michel 26

Salve sono laureata e il mio ragazzo pure..lavoriamo tutti e due,ho molto difficoltà esprimere ciò che penso,sono molto sensibile e perchè ho sempre visto negativamente chi preferiva questo tipo di rapporto sessuale...che ora vi dirò. Sono felicemente fidanzata da tre anni ..ho un rapporto stupendo quasi da sogno con il mio ragazzo..andiamo molto d'accordo. Tre anni fa quando mi sono fidanzata con lui,mi ha rilevato di aver avuto con la sua ex-ragazza rapporti anali,,ho provato un senso di disgusto e nn riuscivo a guardarlo in faccia,lo rifiutavo,come una specie di delusione nei suoi confronti perchè per me era tutto così ideale e in quel momento è come se fosse crollato tutto..ho parlato con lui ed ho messo in chiaro che con me non sarebbe successo mai questa cosa...e infatti con me non cè stato mai e nn ci sarà,perchè per me è una perversione nel rapporto uomo-donna,mi sbaglio? Apparte che si possono incontrare mille malattie..non ho nessun pregiudizio per i gay anzi ho tanti amici però nella coppia uomo-donna nn lo concepisco. Ora la mia domanda che mi perseguita è normale da parte di un ragazzo avere voglia di sesso anale con la proprio ragazza? Potrebbero essere tendenza gay? Se è normale cosa cè di normalità in questo quando in una coppia ci possono essere mille modi per provare piacere?

Gentile Michel, a parte il fatto che i gusti sessuali non sono sindacabili, ed ognuno è libero di scegliere ciò che gli piace, quello che lei sostiene riguardo ai rapporti anali è tecnicamente errato. Il rapporto anale non è una perversione, non ha niente a che vedere con possibili tendenze omosessuali, e non espone a malattie più di altri tipi di rapporti (sempre che si prendano le dovute precauzioni). È semplicemente una delle tante varianti che possono esistere nella sessualità di una persona. Ciò detto, se lei ritiene che questo tipo di pratica non la interessi, non è anormale, è solo una questione di gusti; e tantomeno deve sentirsi costretta a praticarla. Dato che però mi è parso che la sua resistenza nei confronti del sesso anale sia particolarmente forte e rigida, mi sentirei di consigliarle di esplorare le motivazioni di tale ostilità, che si spinge al punto da farle provare delusione nei confronti di una persona che ama. Molti auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

News Letters

0
condivisioni