Pubblicità

Sessuologia, psicologia (1976)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 38 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Michel 26

Salve sono laureata e il mio ragazzo pure..lavoriamo tutti e due,ho molto difficoltà esprimere ciò che penso,sono molto sensibile e perchè ho sempre visto negativamente chi preferiva questo tipo di rapporto sessuale...che ora vi dirò. Sono felicemente fidanzata da tre anni ..ho un rapporto stupendo quasi da sogno con il mio ragazzo..andiamo molto d'accordo. Tre anni fa quando mi sono fidanzata con lui,mi ha rilevato di aver avuto con la sua ex-ragazza rapporti anali,,ho provato un senso di disgusto e nn riuscivo a guardarlo in faccia,lo rifiutavo,come una specie di delusione nei suoi confronti perchè per me era tutto così ideale e in quel momento è come se fosse crollato tutto..ho parlato con lui ed ho messo in chiaro che con me non sarebbe successo mai questa cosa...e infatti con me non cè stato mai e nn ci sarà,perchè per me è una perversione nel rapporto uomo-donna,mi sbaglio? Apparte che si possono incontrare mille malattie..non ho nessun pregiudizio per i gay anzi ho tanti amici però nella coppia uomo-donna nn lo concepisco. Ora la mia domanda che mi perseguita è normale da parte di un ragazzo avere voglia di sesso anale con la proprio ragazza? Potrebbero essere tendenza gay? Se è normale cosa cè di normalità in questo quando in una coppia ci possono essere mille modi per provare piacere?

Gentile Michel, a parte il fatto che i gusti sessuali non sono sindacabili, ed ognuno è libero di scegliere ciò che gli piace, quello che lei sostiene riguardo ai rapporti anali è tecnicamente errato. Il rapporto anale non è una perversione, non ha niente a che vedere con possibili tendenze omosessuali, e non espone a malattie più di altri tipi di rapporti (sempre che si prendano le dovute precauzioni). È semplicemente una delle tante varianti che possono esistere nella sessualità di una persona. Ciò detto, se lei ritiene che questo tipo di pratica non la interessi, non è anormale, è solo una questione di gusti; e tantomeno deve sentirsi costretta a praticarla. Dato che però mi è parso che la sua resistenza nei confronti del sesso anale sia particolarmente forte e rigida, mi sentirei di consigliarle di esplorare le motivazioni di tale ostilità, che si spinge al punto da farle provare delusione nei confronti di una persona che ama. Molti auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni