Pubblicità

Sessuologia - transessualità (080258)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 45 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Tobia, 35 anni

Da sempre provo desiderio nel sentirmi donna indossando abiti femminili, solo da poco sento il desiderio e la necessità di esternare questo mio stato d'essere.
Ho scoperto la necessità di esprimermi per la "donna" che sento essere presente in me dopo traumi interiori quali la scomparsa di mio padre ed un terribile incidente automobilistico. Ho letto che spesso accade in conseguenza a simili eventi.
Stò vivendo una relazione con una donna che vive serenamente ed in modo partecipe la mia metamorfosi, aiutandomi ad esprimere la femminilità che sempre più sento accentuata e prevalente sul mio sesso biologico. Dalle letture fatte e dai vari test trovati su internet identifico la mia realtà in uno stato di androginia tendente al transessualismo lesbico, non provando alcun desiderio omosessuale. Il mio desiderio più forte è di riuscire a trasformare il mio corpo mascolino attribuendogli quanta più femminilità possibile, senza azioni invasive e chirurgiche, sempre con l'estremo appoggio della mia fidanzata.
Ho però paura di quanto questa transizione influisca sulla mia vita sociale e su quella della mia fidanzata. Mi trovo pertanto a nascondere le mie reali condizioni esprimendole unicmente con la mia partner anche se in me si fa sempre più forte il desiderio di rendere pubblico il mio reale essere. Da poco ho trovato la forza nel parlarne con gli amici più intimi, torvando in loro la massima comprensione ed appoggio e questo mi da forza nel mio percorso di cambiamento. Trovo però difficile se non impossibile individuare un punto d'arrivo e percepisco nella mia fidanzata la paura nello scoprire forse un ulteriore cambiamento in me versoo l'omosessualità e quindi il voler esprimere un cambiamento totale del mio essere. ora vorrei intraprendere terapie ormonali, se esisitono in libero commercio, in grado di eliminare i tratti prevalenti maschili quali il pelo e la barba e che conferiscano al mio corpo magiori caratteristiche femminili quali il seno. Esistono parametri, alla luce di quanto sopra, dai quali possa trarre una definizione della mia identità sessuale e che possano tracciare un possibile percorso della mia evoluzione e di indicarne un possibile punto d'arrivo? La mia fidanzata spesso mi chiede quanto tutto ciò influirà in una futura formazione familiare nei confronti dei figli che vorremmo avere e se ciò sarà compatibile, ed io spesso mi trovo in difficoltà nel trovare risposte corrette e fondate.

Gentile Tobia, non mi risulta che esistano dei parametri dai quali lei possa definire la sua identità sessuale e nemmeno che possano indicarle come andrà a finire, o cosa sarà di lei. Esistono ovviamente molte situazioni di confusione rispetto all’identità sessuale, alcune al pari della sua piuttosto contorte. Ma l’identità sessuale non è una cosa a sé, è sempre e comunque legata all’identità globale della persona, e per questo motivo è estremamente difficile generalizzare. Per comprendere la propria identità e la propria identità sessuale non ci si può rifare a tabelle precostituite, come quelle degli elementi chimici. Bisogna piuttosto esplorare nella propria psiche e trovare il modo di rispondersi da soli alla domanda “chi sono” e “cosa sono”. Credo che questa sia la prima cosa da fare, un po’ più di chiarezza sulla propria identità, magari attraverso una psicoterapia….perché nessuno potrà dirlo o scoprirlo al posto suo. Chiaro che ci sono situazioni che si somigliano, e il confronto con altre persone che vivono il suo stesso problema è una buona cosa e una buona strada per riflettere. Ma prima di iniziare dei percorsi più o meno irreversibili, la consiglio di consultarsi con uno psicoterapeuta (ce ne sono alcuni che sono specializzati in questo tipo di problematiche) ed eventualmente anche con un medico (questo soprattutto rispetto alla terapia ormonale che vuole intraprendere). Ricordandosi che in questo ambito, ovvero in ambito di identità e personalità, le risposte più corrette e fondate sono le sue. Se ancora non le ha trovate, deve fare qualche passo di più.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

News Letters

0
condivisioni