Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Situazione familiare (150102)

on . Postato in Sessualità | Letto 13 volte


Claudio, 51

Buongiorno,
nel 1989 mi sono ammalato di depressione e mi sono stati prescritti dei farmaci risperdal e paroxetina. Ho avuto benefici, sono quasi guarito, e da tre mesi non prendo piu' il risperdal. Soprattutto quest'ultimo farmaco mi ha causato impotenza e disinteresse e mancanza di stimoli nell'avere rapporti sessuali. Quindi con mia moglie non ho più avuto rappporti. Non appena ho smesso di prendere il risperdal, sono calato di peso e mi è ritornato lo stimolo di fare sesso e interesse verso mia moglie alla quale voglio molto bene. Inizialmente è andato tutto bene, però vedo che mia moglie non partecipa attivamente, ho la senzazione che mi voglia accontentare e mi dice che è sempre stanca. Tanto e vero che ho sospettato che aveva un'altra relazione. Il mio sospetto si è rilevato infondato perchè mia moglie mi vuole veramente bene, le ho fatto domande a riguardo. Io attualmente ho quasi sempre voglia però facciamo l'amore raramente per il problema che ho specificato prima. Come posso risolvere il problema? Mia moglie ha 49 anni, come mai non ha piu' stimoli? Grazie Claudio.

Caro Claudio,
i farmaci da te descritti efettivamente come disturbi collaterali inibiscono notevolmente il desiderio e quindi la sessualità.
E' altrettanto vero che una volta cessata la cura il desiderio ritorna.
Per quanto riguarda i rapporti con la moglie credo che aluni chiarimenti devono esserci poichè i tuoi dubbi è giusto che li possa risolvere, spero che fra voi ci sia confidenzialità e complicità nell'affrontare il periodo non proprio felice.
La donna fisiologicamente non è come l'uomo che è sempre pronto per la sessualità probabilmente necessita capire se è già vicino alla menopausa o è già in menopausa perchè questo periodo per le donne è diifficoltà ormonale non indifferente.
Se dovesse non essere chiaro vi consiglio come coppia di conultare uno psicoterapeuta sessuologo che può aiutarvi a ritrovare quella serenità sesuale che state cercando.
Auguri.

(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 15/02/2012

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

News Letters