Pubblicità

Transessualità (149518)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 69 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Rea, 25

Salve a tutti, sono una ragazza di 25 anni, sin dai miei primi ricordi consapevoli mi sono sempre sentita maschio e sono sempre stata attratta dalle donne, sin da piccola provo per loro tutto attrazione, affetto, amore, ed invece provo odio disprezzo, disgusto ed invidia in un certo senso verso i maschi, perchè loro sono quello che avrei voluto essere. Ora vi chiedo: da un pò di tempo sento forte il desiderio di essere maschio proprio fisicamente, ho riniziato a non sopportare di mettere vestiti da donna colorati e trucchi. I miei non capiscono questa mia situazione e non mi aiutano molto, anzi se ne stanno a guardare quando subisco atti di discriminazione violenta. Nel luogo in cui mi trovo non posso denunciare, non posso andarmene e vivo malissimo, inoltre ho interrotto la terapia che facevo con la psicologa che mi stava aiutando moltissimo. Ora non so piu che fare. Che consigli mi date?

Cara Rea,
dal racconto si evince che la tua problematica è inerente all'identità di genere poichè nel racconto ti definisci fisiologicamente uomo in un corpo di donna.
Credo che tu abbia fatto male ad abbandonare la terapia psicologica poichè ti aiutava nella definizione che tu hai intrapreso, se la psicologa con la quale avevi il confronto non era di tuo gradimento dovevi cambiare e trovarne un'altra psicodinamica che poteva farti ulteriormente prendere coscenza della tua vera identità.
Le alternative sociali possono essere o inizi il percorso per cambiare sesso e quindi dati anagrafici o inizi una relazione con una donna indipendente dal pensiero familiare che esso è sempre l'utlimo ad accettare certi cambiamenti.
Consiglio di non abbandonare l'aiuto psicologico poichè ti attendono decisioni importanti e probabilmente momenti sociali difficili.
Auguri.


(Risponde il Dott. Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 07/02/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

News Letters

0
condivisioni