Pubblicità

Transfert (130098)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 36 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Cacciavite 24

Cari esperti, cercherò di essere il più sintetico possibile per non togliervi troppo tempo. E' possibile che il fenomeno del "transfert" noto nell'ambito della psicoanalisi si possa verificare anche in altri ambiti? Provo infatti un intenso sentimento per il mio istruttore di sport, sono consciamente e serenamente omosessuale, ma non credo di essermi innamorato di lui. Generalmente non provo attrazione sessuale, anche se ogni tanto (durante la masturbazione) la fantasia cade su di lui. Credo che ciò accada solo per sfogare questo sentimento che non trova vie per essere sublimato, e non per un'effettiva attrazione sessuale nei suoi confronti. Non so come definire la natura di questo sentimento (sicuramente unilaterale). Ho il sospetto che possa trattarsi di una sorta di transfert, aiutandomi lui e la disciplina che mi insegna a superare traumi del mio passato remoto. Come andrebbe gestito questo sentimento? E' ovviamente da precludere ogni tipo di evoluzione, come ho già detto quello che provo non è assolutamente reciproco, ed anzi tra noi non c'è altro che un sano e non morboso rapporto professionale, fin'ora non c'è neanche stato lo spazio per una semplice amicizia; inoltre non è mia intenzione infilarmi in un "vicolo cieco affettivo". Per ora cerco di concentrarmi solo su ciò che mi insegna (ed è veramente tanto ed appagante) cercando di distogliere il punto focale da lui come persona. Ciò però spesso non basta, ho sentito di tecniche specifiche per gestire queste cose, di cosa si tratta?

Caro Cacciavite, dal racconto si evince l'attrazione per il proprio istruttore, spesse volte sono persone molto attraenti che curano il corpo con molta attenzione, e l'innamoramento spesso scatta unilateralmente poichè essendo un professionista non vede la persona come soggetto del desiderio, ma come fonte economica. La richiesta delle tecniche possono essere spiegate da uno psicologo psicoterapeuta, in questo caso preferibile se è cognitivo comportamentale. Auguri.

(risponde il Dott. Sergio Pugelli )

Pubblicato in data 23/01/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Sessualità per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Amnesia

Dal greco a-mnesis (non-ricordo), il termine amnesia indica la compromissione grave e selettiva della memoria a lungo termine (MLT), indipendente dal tipo di st...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

News Letters

0
condivisioni