Pubblicità

Turbe sessuali (069234)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 42 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Carlo 36 anni, 10.01.2004

Salve, mi chiamo carlo ed ho 36. attualmente convivo da 4 anni con la mia donna e siamo fidanzati da 9 anni. è la 2a convivenza lunga, la prima 7 anni con un'altra ragazza.
I miei genitori si erano separati da quando avevo 8 anni ed sono emignato con mia madre al nord italia. sono stato 2 anni in colleggio prima della separazione dei miei e 2 anni dopo.
Avevo un fratello più grande di 5 anni che mi è mancato suicidandosi all'età di 33 anni, era psicolabile con tendenze bisex e difficoltà profonde di approccio con le donne, interdetto dal tribunale. io attualmente non ho un lavoro soddisfacente e stabile e studio ancora al serale per un diploma al 4° anno.
Le mie turbe psichiche sono comparse fin dall'infanzia per il senso di abbandono e disinteresse affettivo avuto dai miei genitori.
In collegio mi sentivo l'ultimo dei bambini, mio padre non è mai venuto una volta a trovarmi ed a casa era freddo e talvolta manesco con mia madre.
Non avendo buone amicizie ne giocattoli belli provavo un senso di invidia e frustrazione che ho colmato con la masturbazione basate su la gente che vedevo, mia madre etc trasformando tutto in sadiche situazioni dove godevo nel infierire su di me o su mia madre umiliazioni varie, sia per la situazione di miseria che vivevamo e sia per l'incapacità e l'ambiguità affettiva di mia madre nei miei confronti, talvolta severa con me ma non con gli altri facendomi pensare a belle donne colte e ricche che la punivano verbalmente o feticisticamente.
Tuttoggi penso ancora queste cose nonostante io veda molte immagini porno di vario genere, anche bisex e feticistmo.
La mia perversione vojeristicamente si concentra soprattutto sulle gambe delle persone e delle donne, ma a volta anche di ragazzini/e con la voglia di essere messo al di sotto in ginocchio con la testa in mezzo le due cosce umiliato e deriso, sia io che anche mia madre.
Questo feticismo mi ha accompagnato dall'infanzia fino ad oggi coinvolgendo con la fantasia compagnetti di scuola e parenti. ho fatto davvero queste cose creandomele o chiedendolo alla mie compagne o una volta pagando una coppia.
Oggi sono sempre più invaso da queste fantasie, visibili anche su internet ma disturbano pesantemente i miei studi. cosa posso fare? grazie

Caro Carlo hai alle spalle un vissuto veramente pesante che ha messo a dura prova il tuo equilibrio psichico.
Mi sembra di capire che pur avendo sperimentato notevoli disagi psichici in tutti questi anni non sei mai ricorso a nessun aiuto di tipo psicologico o psichiatrico.
Per quanto riguarda il disagio sessuale esistono dei centri per le dipendenze sessuali a cui si rivolgono le persone che come te si rendono conto che la sintomatologia sessuale diventa incompatibile con lo svolgimento delle loro attività lavorative, sociali e relazionali. Se non ti è possibile trovare nella zona in cui vivi un centro di questo tipo ti suggerisco di rivolgerti ad uno psichiatra. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni