Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Vaginismo (101557)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Giulia 21

Un po' più di un anno fa ho tentato di avere il mio primo rapporto sessuale con il mio ragazzo di allora, con cui adesso non sto più insieme. Il primo tentativo è stato disastroso perchè riuscii a farlo entrare molto poco, per via del fatto che non riuscivo a rilassare i muscoli delle gambe per la paura e perchè sentivo molto dolore durante la penetrazione. Ci abbiamo riprovato in seguito molte volte, sempre con risultati non completamente favorevoli: qualche volta sono riuscita anche a farlo penetrare quasi completamente e a farlo rimanere per qualche minuto, sempre però provando dolore o comunque disagio, mai piacere. Lui è sempre stato disponibilissimo a fare tutto quello che dicevo io senza mai arrabbiarsi o scoraggiarsi o forzarmi, le cose però sono andate via via peggiorando: mi lubrificavo sempre meno e negli ultimi periodi di questa relazione non riuscivo praticamente più a farlo entrare. In questo periodo di tempo siamo comunque entrati in crisi per altri motivi e per questi ci siamo lasciati. Ho recentemente fatto una visita ginecologica per disturbi nella regolarità delle mestruzioni e ne ho approfittato per parlare al ginecologo di questo problema: lui mi ha visitato e mi ha detto che il diametro del canale vaginale è perfettamente normale e che quindi sono io che contraggo durante il rapporto. Devo considerare comunque questa condizione come vaginismo e devo ricorrere alla fisioterapia desensibilizzativa o no? Al momento sono libera di conseguenza non ho potuto provare a vedere se il problema si ripresenta con un altro partner. Ho però dovuto in questi giorni bruciare una piaghetta vaginale e il ginecologo ha usato lo speculum e ho avuto la stessa reazione: ho contratto per la paura e il fastidio provocato dallo strumento i muscoli delle gambe e del perineo senza riuscire a controllarmi, solo dopo che il dottore è riuscito con molta fatica a inserire lo speculum mi sono rilassata un po' e ho avvertito solo il disagio dell'apparecchio piuttosto che dolore. Adesso ho molta paura riguardo gli approcci futuri con i ragazzi: temo infatti di non essere capace di fare l'amore.
Grazie mille per l'ascolto e la disponibilità.

Cara giulia, è evidente che lei a livello organico sta bene visto che riesce anche a far entrare lo speculum anche se a fatica, al contrario capisce anche lei che l'ansia e la paura le fanno contrarre talmente bene i muscoli perineali da creare un vera e propria chiusura al pene, allora non deve preoccuparsi del suo ultimo rapporto ma cercare di rilassarsi il più possibile con gli altri partner cercando di non ricreare le medesime condizioni, a tal proposito potrebbe cominciare a valutare l'ipotesi di una terapia psico sessuale per cominciare a capire quali sono le sue eventuali chiusure verso questo tipo di esperienze. Potrebbe dipendere anche dal tipo di partner oltre che dalle classiche paure verso i primi rapporti, quindi andando avanti la situazione non può che migliorare inoltre lei mi sembra molto consapevole e cosciente della situazione oltre che degli aspetti più fisici del problema che spesso sono invece ignorati. In bocca al lupo

(risponde la dott.ssa Benedetta Mattei)

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

News Letters