Pubblicità

Vaginismo (124043)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 64 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara 28

Salve, sono una ragazza di 28 anni, dipendente statale e sono sposata felicemente da due anni. Sono arrivata vergine al matrimonio e di fatto lo sono ancora. Sono innamorata di mio marito, e fortemente attratta da lui, eppure non riesco ad avere un rapporto completo con lui. Andrea è paziente e comprensivo, e ciò mi fa sentire terribilmente in colpa nei suoi confronti, anche perché vorremmo una famiglia numerosa. Ho parlato con il ginecologo e mi ha rassicurata, non ho patologie fisiche e nulla che mi impedisca di vivere una gioiosa vita sessuale, eppure, nonostante il passare del tempo e i miei tentativi di risolvere questo problema, non vedo miglioramenti, anzi inizio a scoraggiarmi e mi sembra che non riuscirò mai a superare questo blocco. Ho cercato di capire se ci siano delle motivazioni più profonde, ho fatto delle ricerche ma non mi rivedo nei profili che vengono presentati nei casi di questo genere. Non ho mai subito abusi, non ho dubbi riguardo la mia identità sessuale, non ho ricevuto un'educazione repressiva e ho un buon rapporto con il mio corpo. Sono pienamente soddisfatta della mia vita, della mia famiglia, del mio lavoro e degli interessi che coltivo al di là di questo, ma questo problema mi fa soffrire molto. Vorrei dei consigli, degli spunti, delle chiavi di lettura perché vorrei riuscire a risolverlo senza ricorrere ad una consulenza specialistica, che tra l'altro non potrei permettermi. Chiedo il vostro aiuto, confidando nella vostra competenza e nella vostra sensibilità. Grazie di cuore.

Cara Sara, innanzitutto dovresti superare l'idea di non poterti permettere una consulenza da un professionista, perchè se davvero ti sta a cuore la situazione che state vivendo tu e tuo marito, forse la parcella del professionista passa in secondo piano. Devo dire inoltre che un buon professionista non si vede dall'onorario e nel range 50-120€ a seduta sono certa che potrai trovare quello giusto per te. Inoltre il servizio pubblico in alcune USL d'Italia accoglie anche problemi di coppia e sessuali, quindi potresti tentare anche questa strada, che solitamente è molto economica; vorrei però ribadire che l'assenza di sessualità in una coppia giovane e sposata da 2 anni vale una certa attenzione da parte vostra. Le informazioni che hai fornito non sono assolutamente abbastanza e ti dico che l'unica alternativa ad una consulenza in vivo è quella on line che costa meno certo, ma è anche meno accurata.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi)

Pubblicato in data 20/08/08

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

News Letters

0
condivisioni