Pubblicità

Vaginismo (8888)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 43 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Silvia, 25 anni

Sono una ragazza di 25 anni ed ho bisogno di un Suo consiglio professionale.
Alcuni mesi fa mi sono rivolta ad uno psicologo per due problemi: uno inerente ad uno stato di ansia legata alla paura della morte che fin da bambina mi coglie prima di addormentarmi, causandomi un profondo senso di angoscia e frequenti insonnie. L'altro problema è inerente invece alla sessualità, più presisamente all'impossibilità di raggiungere l'orgasmo (vaginale, perchè quello clitorideo lo raggiungo), problema che si è manifestato fin dal mio primo rapporto (traumatico, con una persona che mi ha segnata profondamente in negativo, non solo in marito alla sessualità), ma che ha continuato a presentarsi anche col mio attuale fidanzato, cui sono profondamente legata.
Terminate le prime tre sedute introduttive e conoscitive col suddetto psicologo, ho deciso però di non intraprendere il percorso analitico propostomi, primo perchè mi era stato prospettato troppo lungo (2 anni circa), secondo perchè ho temuto di dover scavare troppo in profondità situazioni del mio passato dolorose, con cui ho imparato a convivere (sicuramente nel modo sbagliato).
Ora però si è presentata un'ulteriore complicazione durante i rapporti sessuali, un dolore costante dall'atto della penetrazione fino alla fine del rapporto che ho esposto al mio medico di base, il quale, dopo una serie di acccertamenti (mi erano stati riscontrati dei batteri ed una candida che ho poi curato) mi ha diagnosticato il vaginismo, consigliandomi di riprendere la terapia dallo psicologo (sconsigliandomi un sessuologo).
Il consiglio che Le chiedo è se non fosse davvero il caso di rivolgermi ad un sessuologo, che, da profana, sento più preparato ed esperto in materia di problemi sessuali, o se invece seguire il consiglio del mio medico e continuare con lo spicologo, che potrebbe poi aiutarmi anche per le altre questioni che Le ho prima esposto?
Attendo Sua risposta e anticipatamente La ringrazio,
cordiali saluti

Cara silvia cominciamo con il dire che la diagnosi di Vaginismo è errata perché in questa sintomatologia il dolore è provocato dalla contrazione dei muscoli perivaginali che contraendosi in modo spasmodico non consentono la penetrazione. Quindi per una diagnosi accurata del sintomo sessuale rivolgiti tranquillamente ad un sessuologo. Tieni presente che il sessuologo può essere un medico o uno psicologo e che in questo ultimo caso può essere abilitato alla psicoterapia per cui potresti unire le due cose. Ti suggerisco di prendere in considerazione un professionista di orientamento cognitivo o cognitivo-comportamentale.
Auguri

( risponde la dott.ssa Maria Assunta Consalvi )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

News Letters

0
condivisioni