Pubblicità

Vaginismo

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 37 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Aurora 28

Salve dottore, le racconto il mio problema con la speranza che lei possa aiutarmi a superarlo o a capire da dove vengono certe mie strane manie sessuali. In passato sono andata da un sessuologo, ma non mi ha aiutato per niente e nemmeno uno psicologo da cui andavo è riuscito a capire il perchè di certi miei problemi. Io non me lo so spiegare e posso solo sperare che lei possa darmi una mano. Dunque, in pratica il mio problema è che soffro di vaginismo. Non riesco a completare i miei rapporti sessuali con gli uomini perchè sento un dolore pazzesco. Sono stata piantata già troppe volte perchè tutti i miei ragazzi alla fine si sono stufati dato che la situazione non migliorava pur facendo insieme terapie consigliateci da un sessuologo. Sembravano dolci e pazienti all'inizio, ma poi non hanno retto più. Alla fine, ho scoperto e mi sono resa conto da sola che ciò che mi eccita e mi fa rilassare in modo tale da avere rapporti, è fingere di essere presa con violenza. Mi piacciono da morire le situazioni in cui vengo inseguita gettata sul letto, spogliata, toccata e violentata... perchè? Non lo so neanch'io. Non ho mai subito violenza da nessuno e sono cresciuta con due genitori integgerrimi (molto religiosi fra l'altro) e quindi non so da dove provenga questo mio strano modo d'eccitarmi. Anche guardare film in cui una donna viene violentata mi eccita e non ne ho ancora capito il motivo. Neppure il mio psicologo c'è riuscito perchè all'inizio pensava che avessi qualche trauma alle spalle per questo, ma non è affatto così. Come posso spiegare tutto questo? Sono pazza? Come posso risolvere il mio problema? La ringrazio in anticipo di tutto.

Gentile Aurora, credo che il suo problema di vaginismo e le sue fantasie sessuali appartengano a due sfere diverse. Inoltre, se lei non riesce a portare a termine i suoi rapporti sessuali per mancanza di eccitazione, non soffre di vaginismo, ma forse di un problema più strettamente legato all’ambito dell’eccitazione. Quel che posso dirle riguardo alle sue fantasie sessuali è che sono piuttosto comuni, anche se nella maggior parte dei casi non impediscono una serena vita sessuale. E non necessariamente sono collegate ad un trauma o ad una violenza, generalmente sono dovute a difficoltà nell’integrare psicologicamente il sesso con l’amore. Lei non è pazza, stia tranquilla. Ma se vuole venire a capo di questa cosa ha bisogno di una psicoterapia, non strettamente orientata né al vaginismo né alle sue fantasie.Molti auguri

(risponde la dott.ssa Serena Leone)

 

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Acalculia

L'acalculia è un difetto a effettuare il calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale l...

Anorgasmia

Con il termine “anorgasmia” si fa riferimento alla mancanza e/o assenza di orgasmo, intesa come difficoltà o incapacità a raggiungere l'orgasmo.  Il termi...

News Letters

0
condivisioni