Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Verginità (80921)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 23 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gloria, 33 anni

Gentile Dott., leggo con molto interesse le Vs. pubblicazioni e perciò data la serietà del servizio confido nell'esporre il mio problema o meglio quello che per me lo sta diventando. Le spiego: ho 33 anni e sia per l'educazione familiare ricevuta che per serietà mia personale non ho ancora avuto rapporti sessuali completi con un uomo. (E' quasi vergognoso dati i tempi che corrono, ma questa è la verità). Ho avuto storie sentimentali sempre serie; infatti quando accetto di uscire con un ragazzo in via continuativa è perchè il mio scopo è quello di conoscerlo per formare una famiglia o se non altro per starci bene come persona perchè ritengo che il rapporto sessuale deve essere il completamento di due persone.
Adesso ho conosciuto un ragazzo di 34 anni che per è molto posato, dimostra interesse per me e ha detto di non avere neanche lui rapporti sessuali oltre a storie d'amore perchè lui ritiene che il sesso non debba essere solo ai fini di gradimento da fare con la prima persona che si incontra. Ecco io provo molto imbarazzo nella situazione in cui mi trovo e non so se considerarmi una fuori del mondo, all'antica e come risolvere il mio problema che mi sta logorando. La ringrazio e confido in una Vs. risposta.
Gloria

Cara Gloria, sinceramente mi è piuttosto difficile capire quale sia il problema che l'affligge. Capisco che lei possa sentirsi una diversa per la scelta che ha fatto riguardo alla sessualità, ma mi sembra convinta della sua scelta, non pentita, e quindi la sua diversità non dovrebbe essere così difficile da gestire.
A maggior ragione nella situazione di cui scrive: ha incontrato un uomo che le piace, con cui condivide molto, e che ha valori simili ai suoi rispetto alla sessualità. Se per lei questo rapporto è importante, potrebbe affrontare il discorso con quest'uomo; mi sembra di capire che viviate sentimenti simili riguardo alla sessualità, quindi penso che lui potrebbe ben comprendere la sua scelta. Non c'è bisogno che lei si consideri né all'antica né fuori dal mondo,Gloria. La sessualità è una sfera estremamente personale, non c'è nessuno che possa dirle cosa è giusto o cosa non è giusto a riguardo,è solo lei a saperlo. Vedrà che, quando si sentirà pronta, se ne accorgerà,e le verrà spontaneo. Non abbia paura.

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. Le complicanze mediche più frequenti, tutt...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

News Letters

0
condivisioni