Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Violenza sessuale (000310)

on . Postato in Sessualità | Letto 10 volte

Sara 23 anni, 05.04.2004

Ho subito una violenza sessuale quando avevo circa 16 anni da parte del mio ex ragazzo (se così si puo' definire a quel'età), e ancora adesso me ne do la colpa (mi picchiava spesso per cui avrei potuto prevedere la cosa e andarmene via prima).
Cmq credo di aver superato abbastanza la cosa e fino a qualche tempo fa avevo una vita normale.
Una decina di mesi fa ho però subito nuovamente uno stupro da parte di due uomini.
Ho fatto denuncia e tutto il resto evitando di parlarne con nessuno della mia famiglia (lo sa solo il mio ragazzo).
Il fatto che mi sia capitato di nuovo mi fa pensare che ci sia qualcosa che non va in me, o che spinge la gente a farm del male e questo mi disintegra.
Nei momenti di peggior depressione finisco col cercare anche di farmi del male (di solito comincio a farmi dei tagli sul corpo o a picchiarmi da sola).
Ci sono anche dei momenti in cui mantengo la lucidità (come adesso) e capisco che non è colpa mia ma spesso non riesco a controllarmi.
E poi ho paura di rovinare il rapporto con il mio ragazzo.
Lo amo, ma a volte ho paura di lui e non voglio ferirlo. E non voglio nemmeno che debba "occuparsi" di me. Cosa posso fare?

Il fatto che hai subito per ben due volte violenza sessuale mi fa provare molta comprensione (e molta ne deve avere il tuo ragazzo) e pensare quanto sfortunata sei stata perché in realtà non ne hai assolutamente colpa.
Anche se ormai le due brutte esperienze ti avranno preparata ad essere più accorta nelle situazioni sociali.
Non credo ci sia qualcosa che non vada in te, è il mondo che è crudele e senza pietà.
In questo momento è importante l´accettazione piena di te stessa, di come sei fatta, con le tue debolezze e i tuoi aspetti più forti. Cerca di volerti più bene, di piacerti di più, di apprezzarti maggiormente in tutte le circostanze che vivi.
Regalati pensieri e sentimenti positivi, le cose belle esistono, basta aprire gli occhi: tu hai tutti i diritti di essere accettata e amata come sei e come desideri (il tuo ragazzo può contribuire e fare qualcosa per realizzare questo).
Ti auguro di ritrovare serenità ed equilibrio interiore: pensa che il regalo più bello che puoi avere dipende solo da te, dalla tua forza interiore.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters