Pubblicità

Violenze e bullismo (104959)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 21 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fabrizio 31

Gentile Dottoressa, sono Fabrizio da montecarlo e per la prima volta nella mia vita tentero' di esporre il mio problema. Vivo una bellissima storia d'amore con un ragazzo da ormai diversi anni, ma alcuni fantasmi del mio passato non sono ancora andati via. Capira' benissimo che essere omosessuali negli anni 70/80 non era cosa semplice e credo che il problema da me sofferto sia strettamente legato ai fatti avvenuti in quegli anni. Sono stato per troppo tempo oggetto di prese in giro dei miei compagni di classe, sono stato troppe volte chiamato finocchio, frocio, culo.. e quelle voci ormai lontane fanno anora male. A distanza di anni non riesco a dimenticare i pugni, gli spintoni, le faccie disgustate dei miei compagni che mi sputano addosso chiamandomi con nomi inpronunciabili. A 14 anni ero un debole e quando il branco mi ha violentato non ho saputo reagire.genova in quegli anni era spietata con i gay. Ora mi ritrovo felice in una citta' che amo, pacsato e con una casa... ma i fantasmi restano e mi bloccano in ogni occasione. Ho paura delle persone, che mi possano fare male ancora una volta. Ho paura quando devo presentarmi per un posto di lavoro, e semplicemente di non essere all'altezza delle situazioni che la vita presenta. A volte anche solo rispondere al telefono ad un numero sconosciuto mi fa paura. Le grida di quei mostri sono sempre presenti. Voglio dimenticare, imparare a volermi bene.

Caro Fabrizio, ho trovato la sua lettera sinceramente commuovente, e penso sia anche molto importante per capire quanto male possano fare degli stupidi pregiudizi. E purtroppo quello che è capitato a lei è capitato (ed incredibilmente capita tuttora) a molte persone, che sono state meno brave o meno fortunate di lei. Lei è stato “bravo” nel senso che ha accettato la sua omosessualità senza crearsi una maschera, ha scelto di vivere in un luogo dove forse ci sono meno pregiudizi, ha trovato una persona che ama. Forse il fatto che i fantasmi delle terribili esperienze del passato stiano tornando a torturarla è una sorta di segnale; forse il suo inconscio le sta dicendo che è giunto il momento per elaborare questi traumi. Purtroppo non è sempre vero che il tempo guarisce tutte le ferite, ci sono ferite che hanno bisogno di una cura maggiore rispetto a quella che può offrire il tempo. Credo che la cosa migliore che possa fare a questo punto sia rivolgersi ad uno psicoterapeuta, ed iniziare questo percorso di elaborazione; mi sembra che lei abbia tutti gli strumenti per poter ricavare il meglio possibile da un percorso di questo tipo. Moltissimi auguri.

(risponde La dott.ssa Serena Leone)

Pubblicato in data 21/07/07

 

 

 

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di sessuologia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Manierismo

Questo termine sta ad indicare un uso dei mezzi espressivi eccessivo e sovraccarico, cioè una mimica, un comportamento ed un linguaggio privi di naturalezza o s...

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

News Letters

0
condivisioni