Pubblicità

Vita di coppia (000566)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 24 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fabrizio, 29 anni

Salve, scrivo questa lettera per esternare un briciolo di disagio che si sta instaurando tra me ed il mio compagno di vita. Sono gay dichiaratissimo e convinto e da circa 10 mesi ho una relazione con un uomo di 10 anni piu grande di me. Questa scentilla tra lui e me è stata la mia salvezza pechè da circa 5 anni ho sofferto terribilmente per i mio migliore amico che purtroppo, essendo etero, non ha potuto in alcun modo ricambiare l'affetto ed il morboso amore che provavo nei suoi confronti.
Ora, grazie al mio compagno questa sofferenza è andata svanendo me è rimasta comunque dentro di me un' enorme frattura.
Non so se quanto sopra possa centrare qualcosa col mio problema comunque il motivo per cui scrivo questa lettera è che col mio compagno non riesco ad avere rapporti sessuali completi. Premetto che in 10 mesi di convivenza io con lui non ho mai raggiunto l'orgasmo con conseguente frustrazione per entrambi.
Il fatto è che non ci provo neanche, come se qualcosa mi bloccasse. Lui è una persona piu matura e sicura di se stesso, per contro io sono sempre stato un po piu fragile ma questa situazione deve finire. Dove si compera la fiducia?
Non credo di avere problemi fisici perchè con la masturbazione tutto fila liscio ma quando sono con lui... anche se ho una forte erezione fatico a mantenerla e, troppo spesso mi concentro di piu sul suo piacere che sul mio. Finisco col dire a titolo informativo che la nostra non è una coppia versatile essendo io solo ricettivo.Grazie.

Gentile fabrizio, lei ha provato a parlare con questa persona delle sue difficolta'? Non so quanto si tratti di un discorso di fiducia, sicuramente il suo percorso interiore e le fratture di cui mi parla andrebbero analizzate con il supporto di un professionista esperto in questo genere di problematiche. Inoltre trattandosi di un problema di mantenimento dell'erezione, anche se lei esclude totalmente il punto di vista organico, potrebbe comunque rivolgersi ad un andrologo per escludere anche questa ipotesi e concentrarsi sulle dinamiche della vostra coppia, per cercare di instaurare una relzione piu' equilibrata in cui vi sia l'appagamento di entrambi non solo a livello fisico. Buona fortuna.

( risponde la dott.ssa Benedetta Mattei )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di coppia e famiglia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni