Pubblicità

60 secondi o 1 minuto: per il nostro cervello non è la stessa cosa

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 332 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Se trovaste uno di questi avvisi prima di un articolo, dato per scontato che parli di qualcosa che v’interessa, quale dei tre v’indurrebbe a leggerlo prima? Con la prima avvertenza molti rimanderebbero la lettura a domani. Con la seconda è probabile che lo leggiate prima e con la terza lo leggerebbe subito ancora più gente. Eppure le 24 ore che ci separano da domani equivalgono proprio a 1440 minuti o a 86.400 secondi, ma per darsi una mossa il nostro cervello ha bisogno di una quantificazione del tempo che sia la più parcellizzata possibile.

Il tempo è «piccolo»
Per come funziona, infatti, 60 secondi o 1 minuto per il cervello non sono la stessa cosa: l’hanno scoperto i ricercatori Daphna Oyserman della Michigan University e Neil Lewis della Southern California che hanno appena pubblicato su Psychological Science uno studio dal titolo suggestivo “Quando inizia il futuro?”, in cui analizzano la percezione soggettiva del tempo studiando i piani per un esame di alcuni studenti universitari, una categoria spesso colpita dalla cosiddetta sindrome di procrastinazione che porta a lasciare a domani ciò che si potrebbe fare oggi, condizione che risulta affliggere anche i prossimi pensionati, studiati in un’appendice dello studio. I due ricercatori proseguono così un filone introdotto l’anno scorso al Congresso della Society for Personality and Social Psychology di Austin (Texas) dove avevano presentato un altro studio dal titolo ancora più sibillino “Inizierò entro 30 giorni o entro un mese? Gli effetti del framing temporale sulla motivazione ad agire”.

Tratto da:corriere.it- Prosegui nella lettura dell'articolo

 


Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni