Pubblicità

7 ragioni per essere orgogliosi di essere nottambuli

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 790 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Si dirà anche che il mattino ha l’oro in bocca, ma il fatto stesso d’esser gufo comporta tanti altri vantaggi. È il momento d’incominciare ad apprezzarli.n 133053797 large570

Non fraintendeteci, però: c’iscriviamo senza alcun dubbio fra i difensori del sonno.

E assicurarsi di goderne nella giusta dose ogni giorno (dalle sette alle nove ore di sonno per l’adulto, in media) è importante per restare in salute.

Quindi questa non sarà la giustificazione per far tardi e tagliare ore di sonno. Ma se il vostro stile di vita permette un tardo risveglio, potrebbe anche venirvi voglia di stare in piedi più a lungo.

D’apprezzamenti per lo stile di vita delle allodole se n’è fatti tanti (i benefici per la salute sono ottimi e documentati), ma dei vantaggi per coloro che lavorano meglio di notte non se n’è parlato molto.

Ecco, allora: un’ode a coloro che amano “bruciare l’olio di mezzanotte”.

 

Tratto da HuffingtonPost - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sonno salute ragioni orgogliosi nottambuli mattino gufo vantaggi

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni