Pubblicità

A 13 anni il primo rapporto sessuale

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 363 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Rapporto sulle donne milanesi: vogliono un figlio unico ma perfetto. Il 9% non usa contraccettivi, il 24,4% ha fatto uso della pillola Lolite, ma tutt'altro che immature . Poi studentesse eccellenti e donne in carriera, almeno fino ai trent'anni (italiane, s'intende). Poi mogli, e sia, ma solo una volta raggiunta la posizione per cui hanno lottato. Il lavoro non può attendere, il primo figlio sì. Ma fatta la scelta meglio non correre rischi: dev'essere bello, sano, forte. A qualunque costo: la scienza aiuta (15 donne su cento si sottopongono all'amniocentesi, mille in un anno hanno utilizzato con successo la procreazione assistita), il dottore di buona fama rassicura. Mamme consapevoli, insomma. Anche per questo la natalità è in crescita. E, infine, donne che invecchiano con serenità, guardando le rughe senza orrore, meglio e più a lungo dei loro compagni di vita. Tanto che alla fine, se le si conta, sono di più.

Donne in Lombardia, raccontate dai medici . La ricerca «Eva contro Eva», realizzata da Giorgio Pardi, direttore del dipartimento di Ostetricia, Ginecologia e Neonatologia della Clinica Mangiagalli, viene presentata oggi all'81esimo congresso della Società italiana di ginecologia. È un ritratto in numeri: le donne rappresentano oltre la metà della popolazione lombarda (su 9.393.092 abitanti sono 4.813.100) e sono più longeve degli uomini, con un'aspettativa di vita che raggiunge gli 83 anni, a fronte dei 76,7 del sesso «forte». Ma sono soprattutto «libere», fin da giovanissime: consumano i primi rapporti sessuali già a 13-14 anni, sette su dieci fanno uso di metodi contraccettivi (dalla pillola al meno sicuro coito interrotto).

«È un fatto innanzitutto biologico — spiega Guido Martinotti , prorettore e sociologo dell'Università Bicocca —. L'età delle prime mestruazioni si è abbassata già da qualche anno e ha inevitabilmente condizionato l'approccio al sesso, insieme al ruolo svolto dai media».
Perché l'immagine conta, eccome. «L'idea comune della donna lombarda è che sia responsabile, informata, senza troppi problemi, non più casa e famiglia», continua Martinotti. Un modello di «donna consapevole, che «pensa prima a sé, alla sua realizzazione e solo in seguito alla famiglia e ai figli». Che infatti arrivano puntuali solo una volta superati i trent'anni, seppur di più rispetto al recente passato e oltre la media nazionale (un incremento su cui pesa e molto il «contributo» delle donne straniere). Nel 2004 sono nati dieci bambini ogni mille abitanti contro 9,7 (dato italiano). Più nelle province di Bergamo e Brescia (10,9), meno a Milano (10), Sondrio (9) fino a Pavia (8 per mille).

tratto da Corriere.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni