Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adolescenti di periferia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 412 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Una indagine recente sulla condizione degli adolescenti che vivono nelle aree suburbane e svantaggiate di alcune grandi città statunitensi mostra le difficoltà in cui questi giovani vivono quotidianamente, alle prese con problemi di isolamento, violenza, uso di droghe, alcolismo, problemi psicologici. Lo studio, condotto da una equipe della Columbia University, ha voluto confrontare due campioni di giovani studenti appartenenti a fasce socio-economiche differenti e residenti in zone diverse delle stesse città, incentrandosi su vari aspetti della loro vita relazionale, famigliare, scolastica, etc..

“Oltre alla forte discordanza tra i due gruppi rispetto al consumo di sigarette e alcol, come di droghe leggere e pesanti, in cui i ragazzi delle periferie degradate presentano livelli elevati – dice la dott.ssa Suniya Luthar, docente di psicologia alla Columbia University - abbiamo anche trovato tra questi adolescenti elevati livelli di ansia; le ragazze di queste aree suburbane, soprattutto, mostrano spesso vissuti depressivi accentuati con una frequenza circa tre volte maggiore rispetto alla media delle coetanee residenti in altre zone cittadine…L’abuso di droghe tra gli adolescenti è poi collegato in questo ambiente ad un maggiore riconoscimento ed accettazione nel gruppo dei pari, per cui i ragazzi che ne abusano vengono incentivati e stimolati dal contesto a tali condotte..”.

Per determinare quale fosse la fascia di età più a rischio ed a quale età insorgano tali atteggiamenti è stato effettuato uno studio con altri gruppi di bambini e ragazzi; si è così rilevato che fino agli 11-12 anni i ragazzi, sia maschi che femmine, residenti in tali aree svantaggiate, non presentano ancora quegli aspetti problematici che insorgono invece tipicamente intorno ai 13-14 anni , quando si verifica l’allentamento della protezione delle famiglie ed i giovani iniziano a frequentare il quartiere ed il gruppo dei coetanei…“Molti ragazzi di questa età vengono lasciati soli dopo le ore di scuola, senza alcun riferimento da parte di un famigliare – aggiunge la Luthar – per cui essi girano per quartieri degradati, ciò che li espone a tutta una serie di insidie e pericoli..”.

Tratto da: “Afluent Kids: Both Pressured And Ignored” - United Press Int. – Sept.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni