Pubblicità

Adolescenti e depressione

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 503 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Tre milioni di adolescenti americani sono afflitti dalla depressione: alti tassi di divorzio e separazioni all’interno delle famiglie, pressioni sociali, stress in ambito scolastico contribuiscono ad aumentare costantemente il numero di giovani che soffrono di questa patologia. Spesso il pregiudizio ed il timore adolescenziale di rivolgersi a figure adulte per superare le proprie difficoltà produce inoltre una chiusura in sé stessi che rende gli interventi attuabili limitati e discontinui. Probabilmente la questione dell’aumento del numero dei casi di depressione infantile e adolescenziale segnalati oggigiorno è anche conseguenza di una maggiore consapevolezza da parte dei giovani rispetto a tali problematiche; resta comunque il fatto che alcuni fattori nella vita dei ragazzi sembrano costituire degli elementi di rischio costante per lo sviluppo delle patologie depressive, come le separazioni genitoriali, le tensioni sociali e le pressioni che spesso si riversano direttamente sui ragazzi in termini di richieste eccessive in ambito scolastico ed interpersonale.

“Il suicidio è attualmente la terza causa di morte nella fascia di età dai 10 ai 24 anni – dicono Patricia Wingert e Barbara Kantrowitz, autrici di un articolo apparso recentemente sull’argomento nella rivista Newsweek - ed il National Institutes of Mental Health stima che circa l’8% degli adolescenti ed il 2% dei bambini dai 4 ai 10 anni presentino attualmente segni clinici di depressione”. Questi dati segnano un cambiamento rispetto agli anni passati, quando la depressione era considerata un disturbo appartenente al mondo degli adulti; il nervosismo e alcune condotte ribelli degli adolescenti erano considerate allora come una normale fase di sviluppo, che si sarebbe presto superata con la maturazione del ragazzo.

Adesso si pone più attenzione alla qualità ed al vissuto interiore del ragazzo, poiché non è così facile capire quando avviene il passaggio da forme di disagio e malessere più o meno rientranti nella norma delle condotte adolescenziali a quelle caratterizzate da elementi conflittuali patologici che possono determinare una condizione di cronicità depressiva.

Tratto da:”Three Million Teens Struggle With Depression” - HealthNewsDigest.com – Sept.02

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Coazione a ripetere

"Ciò che è rimasto capito male ritorna sempre; come un'anima in pena, non ha pace finchè non ottiene soluzione e liberazione", S. Freud Il termine coazione a r...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

News Letters

0
condivisioni