Pubblicità

Adolescenti: la popolarità non è sinonimo di successo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 632 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli adolescenti per sentirsi appagati e vincenti hanno bisogno di trovare la propria nicchia di espressione. Un adolescente, al contrario di quanto pensano molti adulti, per essere soddisfatto di sé e contento della propria vita non vuole essere popolare a tutti i costi; preferisce essere socialmente accettato da una nicchia di persone con le quali condivide un progetto. I ragazzi, insomma, non sono così superficiali come gli adulti spesso credono o vogliono far credere.

Per molti di loro la popolarità non è sinonimo di successo nella vita. Lo ha dimostrato uno studio pubblicato sull'ultimo numero della rivista Child Development. Gli adolescenti più contenti e, di conseguenza, meno problematici sono quelli che sono in grado di individuare una o più passioni attraverso le quali poter esprimere la propria personalità. Un gruppo musicale, un gruppo sportivo, un'associazione, un fans club: sono l'espressione di una volontà di auto-organizzarsi e creare uno spazio di socialità nel quale si sentono rappresentati.

Tratto da "yahoo.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

News Letters

0
condivisioni