Pubblicità

Adolescenza (146689)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 398 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lisa 18

Salve, ho 18 anni e non ce la faccio più a convivere con questo problema. Sono timidissima e riservata. Ogni volta che esco sento un gran senso di disagio. E' tremendo. Sento l'ansia di salire su dallo stomaco e arrivarmi fino in gola. Gli sguardi della gente mi danno fastidio e mi mandano in panico. Infatti evito i luoghi affollati. Figurarsi se provano a parlarmi. Odio tutto ciò perchè vorrei recitare e piango ogni maledetto giorno pensando che sono brava ma non riesco a lasciarmi andare. Come posso recitare davanti ad un pubblico se ne sono terrorizzata? Ho sempre l'impressione di sbagliare tutto, mi sento fuori posto, spaventata. E non voglio. Trovo che la timidezza sia un terribile difetto. Odio quando dicono che sono una ragazza timida, fragile e riservata. Amo quando dicono che sono una ragazza allegra, estroversa e divertente, perchè come a squarci, viene fuori anche questa personalità. Ma vorrei solo lei, solo questa Lisa. Non credo di avere una doppia personalità. Sono fin troppo cosciente delle mie azioni. Voglio apparire sicura di me e l'unico modo per apparirlo è recitare. Ma dura poco perchè la paura prende il sopravvento. Che stupida. Paura di cosa? Non lo so, è qualcosa di inconscio. Eppure le persone timide sono dolci. Possono avere un lato che affascina. Ma non io. Non voglio essere timida. So che non c'è niente di cui aver paura, ma un'occhiata, una parola mi mandano in panico al punto tale che a volte mi viene da piangere. Mi blocco, vorrei scappare in quei momenti o piangere. Non riesco ad essere completamente me stessa. E' una lotta quotidiana contro me stessa. Tutto questo mi sta distruggendo. Un saluto.

Cara Lisa, la timidezza è un'emozione che ne nasconde altre, ti faccio un esempio la paura. E' proprio quest'ultima che spesso tende a bloccare le persone a non farci vedere delle parti  di noi belle che non abbiamo idea di possedere. Sei molto giovane e hai le risorse per risolvere il tuo problema in maniera adeguata. In bocca al lupo, un saluto.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 09/09/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

News Letters

0
condivisioni