Pubblicità

Adolescenza (146689)

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 357 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lisa 18

Salve, ho 18 anni e non ce la faccio più a convivere con questo problema. Sono timidissima e riservata. Ogni volta che esco sento un gran senso di disagio. E' tremendo. Sento l'ansia di salire su dallo stomaco e arrivarmi fino in gola. Gli sguardi della gente mi danno fastidio e mi mandano in panico. Infatti evito i luoghi affollati. Figurarsi se provano a parlarmi. Odio tutto ciò perchè vorrei recitare e piango ogni maledetto giorno pensando che sono brava ma non riesco a lasciarmi andare. Come posso recitare davanti ad un pubblico se ne sono terrorizzata? Ho sempre l'impressione di sbagliare tutto, mi sento fuori posto, spaventata. E non voglio. Trovo che la timidezza sia un terribile difetto. Odio quando dicono che sono una ragazza timida, fragile e riservata. Amo quando dicono che sono una ragazza allegra, estroversa e divertente, perchè come a squarci, viene fuori anche questa personalità. Ma vorrei solo lei, solo questa Lisa. Non credo di avere una doppia personalità. Sono fin troppo cosciente delle mie azioni. Voglio apparire sicura di me e l'unico modo per apparirlo è recitare. Ma dura poco perchè la paura prende il sopravvento. Che stupida. Paura di cosa? Non lo so, è qualcosa di inconscio. Eppure le persone timide sono dolci. Possono avere un lato che affascina. Ma non io. Non voglio essere timida. So che non c'è niente di cui aver paura, ma un'occhiata, una parola mi mandano in panico al punto tale che a volte mi viene da piangere. Mi blocco, vorrei scappare in quei momenti o piangere. Non riesco ad essere completamente me stessa. E' una lotta quotidiana contro me stessa. Tutto questo mi sta distruggendo. Un saluto.

Cara Lisa, la timidezza è un'emozione che ne nasconde altre, ti faccio un esempio la paura. E' proprio quest'ultima che spesso tende a bloccare le persone a non farci vedere delle parti  di noi belle che non abbiamo idea di possedere. Sei molto giovane e hai le risorse per risolvere il tuo problema in maniera adeguata. In bocca al lupo, un saluto.

(Risponde la Dott.ssa Francesca Iacobelli)

Pubblicato in data 09/09/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

News Letters

0
condivisioni