Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Adozione, una favola per rispondere alle sue domande

on . Postato in News di psicologia

Arriva il momento in cui raccontare ai bambini la loro storia di adozione.

adozioneScegliere le parole giuste, ma anche costruire il plot narrativo completo includendo gli "attori non protagonisti", operatori sociali o simili che hanno segnato i passaggi del bambino da una realtà all'altra, è un lavoro complesso, eppure necessario. Perché una favola è il modo migliore per rispondere alle loro domande.

Lei è una madre adottiva, formatrice free lance sulle questioni dell’adozione di genitori, operatori e insegnanti, infine autrice del fortunato "Mamma di pancia, mamma di cuore" (Editoriale Scienza). Dalla sua esperienza e dal suo lavoro con le famiglie e con le scuole è nato ora il libro "Le fiabe per raccontare l’adozione" (Franco Angeli). Perché Anna Genni Miliotti è convinta che l’adozione abbia bisogno di una narrazione per raccontare al proprio figlio adottivo ciò che è accaduto.

“Non dovrà essere un capolavoro letterario, ma sarà la fiaba giusta perché farà stare bene i bambini, rispondendo a tutte le loro domande, a quelle espresse come a quelle che restano dentro”, scrive Genni Miliotti. “Si tratta di bambini che hanno vissuto storie complesse, che hanno cambiato una o più famiglie e verso i quali la parola chiave è ‘accoglienza’, nel rispetto della loro storia e delle loro origini”. In questa intervista, l'autrice spiega perché è utile per un genitore imparare a raccontare la storia dell'adozione con le parole giuste. E soprattutto, a creare una "favola" in cui protagonista sia tutta la famiglia.

Perché è così importante, per un genitore adottivo, imparare a narrare l’adozione?

C’è tanta voglia dei genitori adottivi di raccontare l’incontro con il proprio figlio come l’inizio della storia, il “noi eravamo destinati a stare insieme”, ma spesso ci si dimentica che c’è un “prima” e la narrazione aiuta a raccontare questo “prima”.

Quali sono gli elementi che una storia dell’adozione deve recuperare?

L’inizio della storia è importante. Cioè la nascita, che non è nella mente né nel cuore, ma nella pancia. Questo sembra evidente, ma se lo dici a una mamma adottiva si sente come esautorata dal ruolo di mamma, perché lei vorrebbe essere l’unica e quella vera: il che è comprensibile, ma i genitori che hanno imparato a narrare l'adozione possono scegliere come comportarsi e possono raccontare storie bellissime ai loro figli.

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

Tags: mamma domande realtà bambini, insegnanti storia adozione favola plot narrativo attori operatori famiglie

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

problemi generici (14950614224…

Michele076, 41              Soffro di continuo di ansia che mi debilita totalmente, tanto da non farmi nemmeno usci...

Ho paura di rimanere sola (14…

queenemy85, 33             Ho paura di rimanere sola. Ho paura di dire qualcosa perchè ho paura di sbagliare. ...

Pensieri fastidiosi (149511804…

Sara, 22              Buon pomeriggio! Mi chiamo sara e ho 22 anni vi scrivo per avere un parere esterno perche da ...

Area Professionale

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come distu...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung tale complesso si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con la propria...

News Letters