Pubblicità

Adozione, una favola per rispondere alle sue domande

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1126 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Arriva il momento in cui raccontare ai bambini la loro storia di adozione.

adozioneScegliere le parole giuste, ma anche costruire il plot narrativo completo includendo gli "attori non protagonisti", operatori sociali o simili che hanno segnato i passaggi del bambino da una realtà all'altra, è un lavoro complesso, eppure necessario. Perché una favola è il modo migliore per rispondere alle loro domande.

Lei è una madre adottiva, formatrice free lance sulle questioni dell’adozione di genitori, operatori e insegnanti, infine autrice del fortunato "Mamma di pancia, mamma di cuore" (Editoriale Scienza). Dalla sua esperienza e dal suo lavoro con le famiglie e con le scuole è nato ora il libro "Le fiabe per raccontare l’adozione" (Franco Angeli). Perché Anna Genni Miliotti è convinta che l’adozione abbia bisogno di una narrazione per raccontare al proprio figlio adottivo ciò che è accaduto.

“Non dovrà essere un capolavoro letterario, ma sarà la fiaba giusta perché farà stare bene i bambini, rispondendo a tutte le loro domande, a quelle espresse come a quelle che restano dentro”, scrive Genni Miliotti. “Si tratta di bambini che hanno vissuto storie complesse, che hanno cambiato una o più famiglie e verso i quali la parola chiave è ‘accoglienza’, nel rispetto della loro storia e delle loro origini”. In questa intervista, l'autrice spiega perché è utile per un genitore imparare a raccontare la storia dell'adozione con le parole giuste. E soprattutto, a creare una "favola" in cui protagonista sia tutta la famiglia.

Perché è così importante, per un genitore adottivo, imparare a narrare l’adozione?

C’è tanta voglia dei genitori adottivi di raccontare l’incontro con il proprio figlio come l’inizio della storia, il “noi eravamo destinati a stare insieme”, ma spesso ci si dimentica che c’è un “prima” e la narrazione aiuta a raccontare questo “prima”.

Quali sono gli elementi che una storia dell’adozione deve recuperare?

L’inizio della storia è importante. Cioè la nascita, che non è nella mente né nel cuore, ma nella pancia. Questo sembra evidente, ma se lo dici a una mamma adottiva si sente come esautorata dal ruolo di mamma, perché lei vorrebbe essere l’unica e quella vera: il che è comprensibile, ma i genitori che hanno imparato a narrare l'adozione possono scegliere come comportarsi e possono raccontare storie bellissime ai loro figli.

 

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: mamma domande realtà bambini, insegnanti storia adozione favola plot narrativo attori operatori famiglie

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Articolo 15 - il Codice Deonto…

proseguiamo su Psiconline.it, con il commento all'art.15 (Collaborazioni con altri professionisti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini c...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni