Pubblicità

Adulti e strategie di coping

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 985 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’importanza di insegnare ai bambini come affrontare le sfide della vita

adulti e copingProprio come gli adulti, i bambini hanno preoccupazioni che causano stress. Gli adulti si preoccupano della sicurezza del lavoro o di una lite con il partner, mentre i bambini possono preoccuparsi di un litigio con un amico o della perdita del loro giocattolo preferito.

Ma allo stesso modo degli adulti, i bambini che fanno uso di strategie di coping positive sono più propensi a lavorare meglio sulle loro preoccupazioni, a ridurre lo stress e a riprendersi dalle difficoltà.

I bambini che sviluppano queste strategie di coping con successo hanno maggiori probabilità di diventare adulti mentalmente sani. Chi sono i migliori insegnanti di coping per i bambini? Avete indovinato: i genitori.

Le capacità di coping sono ciò che pensiamo e facciamo per aiutarci a superare situazioni difficili, che, per quanto non lo si voglia, sono una parte inevitabile della vita.

La Psicologa e Professoressa associata della Scuola Elementare di Melbourne, Erica Frydenberg dice che per i bambini dai quattro ai sei anni queste situazioni possono verificarsi quando si dice addio ad un genitore, o quando si deve provare qualcosa di nuovo oppure alla volontà di appartenere ad un gruppo di amici.

La Frydenberg afferma che per aiutare i bambini ad affrontare questo tipo di preoccupazioni bisogna dotarli di competenze che li aiuteranno a far fronte ai problemi in età adulta, contribuendo a ridurre il rischio di problemi di salute mentale come la depressione e l'ansia, che colpiscono un bambino su sette in età scolare.

"Abbiamo bisogno di insegnare ai bambini a gestire tali preoccupazioni in modo che esse non diventino incontrollabili perché condurrebbero ad una cattiva salute mentale.

E’ quando non ci si sente di avere le risorse necessarie per gestire le situazioni complicate che esse diventano impegnativi e difficili.

E’ inevitabile che avremo l'ansia crescendo; ma i problemi si verificano quando si va avanti troppo a lungo senza saperli gestire o affrontare. "

La Frydenberg afferma che i genitori possono aiutare i bambini ad affrontare i problemi, scoraggiando strategie inutili - come pianto eccessivo, capricci, sensi di colpa o attacchi di rabbia - e incoraggiando strategie utili, come chiedere aiuto, chiedere scusa e rimanere calmo.

Afferma ,inoltre, che incoraggiare i bambini a parlare con un adulto circa le loro preoccupazioni è particolarmente efficace per la soluzione positiva del problema.

"Quello che i genitori possono fare è riconoscere i problemi dei bambini e parlare dei diversi modi in possono affrontare una situazione," dice la professoressa Frydenberg.

"Abbiamo scoperto che anche attraverso la discussione i bambini sviluppano, in genere, una reazione positiva che genera alcune idee su quello che possono fare. Gli adulti sono modelli di ruolo e i bambini imparano dagli adulti. E 'importante, quindi, per gli adulti riflettere sulle proprie capacità di coping."

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: strategie di coping adulti e bambini, sfide della vita, Erica Frydenberg, strategie positive, competenze adeguate, insegnamenti positivi,

0
condivisioni

Guarda anche...

Altro

Far fronte alle grandi tragedie

Tutti possono essere colpiti da eventi traumatici stravolgenti Cosa succede quando ci si sente coinvolti emotivamente in eventi tragici successi a terze persone? Prendiamo in considerazione la vita...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

News Letters

0
condivisioni