Pubblicità

Affrontare la depressione, cambiando il modo di pensare

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1152 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università Norvegese della Scienza e della Tecnologia hanno recentemente pubblicato un articolo scientifico sul trattamento della depressione attraverso l’uso della terapia metacognitiva (MCT).

affrontare la depressione cambiando il modo di pensare

I ricercatori del Dipartimento di Psicologia dell’Università Norvegese della Scienza e della Tecnologia hanno recentemente pubblicato un articolo scientifico sul trattamento della depressione attraverso l’uso della terapia metacognitiva (MCT). Lo studio dimostra che l'apprendimento volto a ridurre la ruminazione è molto utile per i pazienti che presentano sintomi depressivi.

Molte persone, infatti, sperimentano i propri pensieri ruminativi persistenti come incontrollabili, ma è possibile acquisire un controllo su di essi.
I pazienti coinvolti nello studio sono stati trattati durante un periodo di dieci settimane. Dopo sei mesi, l’80% dei partecipanti ha raggiunto un completo recupero dalla diagnosi di depressione ed un follow – up dopo sei mesi ha mostrato la stessa condizione.

Oggi, i trattamenti raccomandati per la depressione e per l’ansia sono la terapia farmacologica e la terapia cognitivo – comportamentale (CBT), nella quale i pazienti si impegnano nell’analisi del contenuto dei loro pensieri per contestarne la loro validità. e realtà.

La terapia metacognitiva, al contrario, si concentra sulla diminuzione del processo ruminativo, dal momento che ansia e depressione danno luogo a pensieri negativi, difficili e dolorosi. I pazienti imparano a controllare i propri pensieri, grazie all’acquisizione della consapevolezza di ciò che accade quando si inizia a ruminare. Secondo il Professor Roger Hagen, è necessario acquisire una ‘consapevolezza distaccata’ per vedere i propri pensieri solo come pensieri e non come un riflesso della realtà.“Non si può controllare ciò che si pensa, ma si può controllare il modo in cui si risponde a ciò che si pensa”, spiega Hagen.

Il problema dei precedenti studi effettuati nell’ambito del trattamento della depressione risiede nell’assenza di un gruppo di controllo. Dal momento che la depressione spesso può risolversi nel tempo, l’assenza di un gruppo di controllo rende difficile sapere se un trattamento ha avuto successo o se la depressione si è risolta naturalmente.

Lo studio effettuato dall’ Università norvegese, invece, ha confrontato il gruppo che ha partecipato alla terapia metacognitiva, con uno che non ha ricevuto il trattamento, rafforzando i risultati di questo studio. Secondo Hagen, inoltre, molte dei principali trattamenti per la depressione mostrano alti tassi di recidiva (circa il 50%), mentre la terapia metacognitiva presenta un tasso di ricaduta depressiva molto più basso. Studi minori hanno mostrato che la terapia metacognitiva risulta essere efficace nel trattamento della depressione e, per tale motivo, I ricercatori si augurano che questo approccio diventi la prima scelta.

 

 

Tratto da: psypost

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: depressione psicoterapia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Mi piace una ragazza brutta [1…

Daniel, 36 anni Vengo subito al punto: in poche parole mi piace tantissimo una ragazza piuttosto brutta di aspetto. Io stesso ne vedo i molti difetti, ad e...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Podofobia

Una tra le paure meno conosciute sembra essere la podofobia ovvero la paura dei piedi. Il termine fobia (che in greco significa “paura” e “panico”)&n...

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, forme, odor...

News Letters

0
condivisioni