Pubblicità

Aiutare i bambini ad affrontare il dolore del divorzio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3094 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Il divorzio può essere un momento difficile per tutta la famiglia. Molti genitori non sanno come aiutare i propri figli durante una separazione e, successivamente, con le emozioni che ne derivano. Chi lavora con questi bambini, conosce bene le emozioni dolorose di rabbia, paura, tristezza e negazione nelle quali navigano e i comportamenti che le accompagnano.Com’è possibile stabilire qual è la reazione normale che un bambino dovrebbe avere durante il divorzio dei genitori? E, soprattutto, come possono i genitori aiutare i propri figli ad affrontarlo?

Divorzio

 

Per i genitori è importante tenere in considerazione due aspetti quando si attraversa questo processo.

In primo luogo, i bambini non hanno voce in capitolo nella decisione di affrontare un divorzio anche se questo ha delle conseguenze in ogni aspetto della loro vita.

 A causa del divorzio, un bambino può attraversare diverse fasi del dolore, così come accade nel caso di un lutto. Essi vivono, dopotutto, una perdita dolorosa e si confrontano, senza il loro consenso, con il cambiamento di tutto ciò che prima consideravano “normale”.

Molto spesso il sentimento di impotenza può portare a periodi di shock, negazione e rabbia intensa.

La richiesta di alcuni bambini di interrompere il processo e fare un patteggiamento dovrebbe essere rispettata. Altri bambini, invece, possono agire e mostrare ostilità.

In secondo luogo, bisogna riconoscere che i bambini sono intelligenti e capiscono quando le cose i genitori non vanno bene per un certo periodo. Non bisogna mentire loro, né renderli partecipi degli aspetti negativi dell’altro genitore. E’ necessario riconoscere che non è il bambino a divorziare col coniuge: l’altro sarà sempre sua madre o suo padre.

Un utile consiglio è quello di non fare il modo che il bambino faccia da tramite nello scambio di informazioni tra i coniugi, mettendolo in una situazione complessa dalla quale non può uscire. Inoltre, spiegare i termini legali permetterà al bambino di conoscere meglio i fatti: essere all’oscuro delle cause può generare paura e preoccupazione.

E’ preferibile per il bambino possa capire cosa sta succedendo piuttosto che generare una gran confusione, di gran lunga peggiore della verità reale.

Il bambino deve conoscere i termini legali che li riguardano personalmente, come “custodia” e “visita”. Se si dispone di risorse, molti bambini possono anche beneficiare di un proprio avvocato che rappresenti i suoi interessi.

Pubblicità

E’ necessario parlare con gli insegnanti del bambino, in modo che anche questi possano offrire sostegno e comprensione a scuola. Molte delle emozioni che il bambino esprime in casa, le manifesta anche a scuola. Molti consulenti scolastici organizzano incontri di gruppo e altri programmi per bambini che stanno affrontando il divorzio dei genitori.

Per concludere, anche i bambini cercano un modo per far fronte alle conseguenze di un divorzio ed il genitore svolge sempre la sua funzione di modello per innescare comportamenti positivi e capacità di coping. Non bisogna agire o comportarsi in modo da creare una barriera emotiva e giuridica tra sé e il proprio bambino. La consulenza è utile per tutti i membri della famiglia.

 

 

Tratto da: PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: divorzio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters

0
condivisioni