Pubblicità

Alcuni farmaci migliorano la socialità dei topi con autismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1167 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il disturbo dello specchio autistico (ASD) è presente in un bambino su 59, secondo i dati del centro di "Controllo e Prevenzione dei Disturbi Mentali ".

Alcuni farmaci migliorano la socialita dei topi con autismo.jpgSebbene siano presenti molti sintomi, questi disturbi sono spesso caratterizzati da tre tratti fondamentali: interazioni sociali deficitarie, abilità comunicative limitate e comportamenti ripetitivi.

Il risultato è che questi bambini con ASD rimangono isolati. Ultimamente in uno studio sul "Giornale della Medicina Chimica", gli scienziati riportarono la scoperta di un farmaco, primo nel suo genere, che migliorava le interazioni sociali in ratti da laboratorio con tratti autistici (i topi erano stati geneticamente modificati ed aventi i tre tratti tipici dell' autismo).

Pubblicità

Qualche studio ha mostrato che l'ossitocina, un ormone che agisce come un neurotrasmettitore nel cervello, può migliorare l'abilità di qualche persona con autismo ad interpretare gli indizi emotivi e migliorare l'interazione sociale. Purtroppo, l'ossitocina non può essere assunta oralmente, è rapidamente metabolizzata quando presa per iniezione e non attraversa rapidamente la barriera ematica cerebrale. Alcuni gruppi di ricerca hanno provato a sviluppare farmaci che non abbiano i limiti di utilizzo dell'ossitocina ma con pochi risultati positivi. Cosi Marcel Hibert e colleghi hanno voluto determinare se altri farmaci con qualità simili all'ossitocina, quindi attivanti il suo recettore, potessero contenere la chiave per aiutare le persone con autismo.

I ricercatori trovarono che questi farmaci condividono un componente comune di benzazepine benzoyl e testarono i cambiamenti di questa struttura, eventualmente trovandone uno che appariva avere tratti simili all'ossitocina senza i suoi svantaggi. Il team di ricerca testò il farmaco nel laboratorio di topi con autismo. Quando venne dato il farmaco, chiamato LIT-001, i topi ebbero un aumento nei contatti sociali naso-naso ed anche un prolungamento di questi ultimi rispetto a prima del trattamento, indice che i topi ebbero un miglioramento nelle interazioni sociali dopo il trattamento. I ricercatori conclusero che questo nuovo farmaco potrebbe essere un ulteriore passo per lo sviluppo di farmaci che migliorino i sintomi dell'autismo anche negli umani.

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: farmaci autismo topi news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata da un'esclusi...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Binge Eating Disorder

Non si conosce ancora la causa esatta del BED (binge Eating Disorder), anche perché è una patologia da poco individuata e studiata come categoria a sé stante (s...

News Letters

0
condivisioni