Pubblicità

Alcuni farmaci migliorano la socialità dei topi con autismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 713 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Il disturbo dello specchio autistico (ASD) è presente in un bambino su 59, secondo i dati del centro di "Controllo e Prevenzione dei Disturbi Mentali ".

Alcuni farmaci migliorano la socialita dei topi con autismo.jpgSebbene siano presenti molti sintomi, questi disturbi sono spesso caratterizzati da tre tratti fondamentali: interazioni sociali deficitarie, abilità comunicative limitate e comportamenti ripetitivi.

Il risultato è che questi bambini con ASD rimangono isolati. Ultimamente in uno studio sul "Giornale della Medicina Chimica", gli scienziati riportarono la scoperta di un farmaco, primo nel suo genere, che migliorava le interazioni sociali in ratti da laboratorio con tratti autistici (i topi erano stati geneticamente modificati ed aventi i tre tratti tipici dell' autismo).

Pubblicità

Qualche studio ha mostrato che l'ossitocina, un ormone che agisce come un neurotrasmettitore nel cervello, può migliorare l'abilità di qualche persona con autismo ad interpretare gli indizi emotivi e migliorare l'interazione sociale. Purtroppo, l'ossitocina non può essere assunta oralmente, è rapidamente metabolizzata quando presa per iniezione e non attraversa rapidamente la barriera ematica cerebrale. Alcuni gruppi di ricerca hanno provato a sviluppare farmaci che non abbiano i limiti di utilizzo dell'ossitocina ma con pochi risultati positivi. Cosi Marcel Hibert e colleghi hanno voluto determinare se altri farmaci con qualità simili all'ossitocina, quindi attivanti il suo recettore, potessero contenere la chiave per aiutare le persone con autismo.

I ricercatori trovarono che questi farmaci condividono un componente comune di benzazepine benzoyl e testarono i cambiamenti di questa struttura, eventualmente trovandone uno che appariva avere tratti simili all'ossitocina senza i suoi svantaggi. Il team di ricerca testò il farmaco nel laboratorio di topi con autismo. Quando venne dato il farmaco, chiamato LIT-001, i topi ebbero un aumento nei contatti sociali naso-naso ed anche un prolungamento di questi ultimi rispetto a prima del trattamento, indice che i topi ebbero un miglioramento nelle interazioni sociali dopo il trattamento. I ricercatori conclusero che questo nuovo farmaco potrebbe essere un ulteriore passo per lo sviluppo di farmaci che migliorino i sintomi dell'autismo anche negli umani.

 

Tratto da ScienceDaily

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: farmaci autismo topi news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Neuropsicologia

“L’importanza teorica della neuropsicologia sta nel fatto che essa permette di avvicinarsi maggiormente all’analisi della natura e delle struttura interna dei p...

News Letters

0
condivisioni