Pubblicità

Alle radici dell'aggressività

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 487 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'Università di San Diego e dall'Universita' della Georgia mostra che le personalita' narcisistiche che si sentono rifiutate socialmente divengono piu' aggressive rispetto a coloro che non appaiono così centrati su loro stessi: una scoperta che puo' aiutare a spiegare perche' alcuni adolescenti ricorrono a violenza mentre altri no. "Questa ricerca e' particolarmente importante perche' così siamo capaci di vedere nei bambini i modelli comportamentali che guidano all'aggressività ed infine alla violenza" afferma Jean Twenge, professore di psicologia a San Diego che ha realizzato lo studio insieme a W. Keith Campbell, professore di psicologia alla UGA. "Nei nostri studi precedenti siamo riusciti a spiegare perche' nella scuola l'aggressività è spesso concatenata al rifiuto sociale. Ora noi riusciamo a vedere come il narcisismo o 'egotismo' ci aiuta a spiegare perchè alcuni bambini diventano violenti dopo il rifiuto sociale ed altri no".

Lo studio, dal titolo "Isn't It Fun to Get the Respect That We're Going to Deserve? Narcissism, Social Rejection, and Aggression", sarà pubblicato nel numero di Febbraio del Personality and Social Psychology Bulletin.

I due professori hanno realizzato quattro studi usando come partecipanti studenti universitari, molti dei quali erano di 18 o 19 anni. I partecipanti di ciascuna ricerca vennero prima di tutto sottoposti al Narcissistic Personality Inventory (NPI) e poi ebbero l'opportunità di manifestare le loro sensazioni di collera e/o di aggressività dopo essere stati sottoposti a situazioni di rifiuto o di accettazione sociale.

Per esempio, in uno studio venne chiesto a tutti di scegliere gli individui con cui era preferibile lavorare o quelli che invece era preferibile escludere. Immediatamente dopo venne chiesto di "giocare" con un videogioco che consentiva di aggredire un oppositore innocente sparandogli o creandogli situazioni di panico. Il risultato fu sempre che i soggetti identificati come narcisisti esibirono piu' collera e mostrarono piu' aggressività dopo essere stati scartati rispetto a quanto fecero gli "scartati" non narcisisti.

"Quando noi come educatori ci sforziamo per far sì che i nostri studenti mantengano una immagine positiva di sè, dobbiamo contemporaneamente stare attenti a non creare un esercito di piccoli narcisisti" afferma Campbell.

Lo studio nota anche che le dichiarazioni attribuite agli aggressori della Columbine High School (episodio di violenza recentemente verificatosi negli USA, n.d.r.) sono consone con i sentimenti di individui narcisistici. Per esempio, sul video realizzato prima dell'aggressione, Dylan Klebold affermava "il Direttore verrà sconfitto da questa storia" e Eric Harris proseguiva dicendo "non è mica uno scherzo cercare di procurarci il rispetto che noi meriteremmo"

"Un modo per impedire la violenza passa attraverso la riduzione di situazioni di rifiuto sociale" afferma Twenge "ma possiamo impedire la violenza anche con la riduzione dei sentimenti di narcisismo".

"Per tale motivo le scuole devono valutare attentamente la realizzazione di programmi di aumento dell'autostima dei propri studenti, per non cadere nel rischio di produrre un incremento delle spinte narcisistiche ed egoistiche nei ragazzi. Questi programmi possono risultare infatti un boomerang se ottengono di aumentare l'aggressività fra gli studenti, perche' gli studenti narcisistici sono piu' aggressivi".

(pubblicato su Personality and Social Psychology Bulletin - Febbraio 2003)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni