Pubblicità

Alzheimer e Parkinson: si punta ad individuare i segnali precoci della malattia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 607 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Con l’invecchiamento della popolazione e l’arrivo all’età anziana dei nati tra il 1946 e il 1964 (quelli del baby boom), in Italia si contano oltre un milione di persone che soffrono di malattie neurodegenerative: Alzheimer e Parkinson sono patologie che hanno un decorso progressivo che viene alla luce quando il danno al paziente è già in atto. Così, le terapie più efficaci consentono di controllare i sintomi e nel migliore dei casi rallentare l’evoluzione, ma non di «tornare indietro» nel processo già avviato e puntare alla guarigione. Una diagnosi precoce, tema centrale della Settimana Mondiale del Cervello (campagna d’informazione organizzata dalla Società italiana di neurologia), permetterebbe invece di tamponare il processo neurodegenerativo nella sua fase iniziale, quando è ancora controllabile.

DIAGNOSI - Non esistono ad oggi markers diagnostici ricavabili con metodi tradizionali (analisi del sangue o delle urine, ad esempio) per evidenziare ai primi stadi le patologie neurodegenerative non legate a modificazioni genetiche conosciute. Così la malattia viene identificata solamente quando si manifestano segni clinici che ne facciano sospettare la presenza.

Tratto da: "corriere.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Mobbing

Il termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konra...

Introiezione

Introiezione è un termine di origine psicoanalitica, con il quale si intende quel processo inconscio, per cui l’Io incamera e fa proprie le rappresentazioni men...

News Letters

0
condivisioni