Pubblicità

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1826 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una ricerca pubblicata sulla rivista “PLoS Medicine” ha scoperto che il metabolismo degli acidi grassi insaturi omega-3 e omega-6 nel cervello sono associati con la progressione della malattia di Alzheimer (AD).

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello

L’Alzheimer è una patologia neurodegenerativa, che provoca alterazioni della memoria, delle funzioni esecutive e del linguaggio. Essa costituisce il 60 – 80% dei casi totali di demenza in tutto il mondo, con oltre 46 milioni di persone che ne soffrono. Il numero di pazienti dovrebbe salire a 131,5 milioni entro il 2050.

Attualmente si ritiene che la causa principale per lo sviluppo delle alterazioni della memoria nella demenza sia la presenza di due molecole: le proteine tau e amiloide. Queste, sono state ampiamente studiate ed è stato dimostrato che iniziano ad accumularsi nel cervello fino a 20 anni prima dell’insorgenza della malattia.

Tuttavia, vi sono limitate informazioni su come il metabolismo di piccole molecole nel cervello sia associato allo sviluppo e alla progressione della malattia d’Alzheimer.

In questo studio, i ricercatori dell’Institute of Pharmaceutical Science, King’s College London e del National Institute on Aging degli Stati Uniti hanno esaminato campioni di tessuto cerebrale di 43 persone di età compresa tra 57 a 95 anni. Inoltre, hanno confrontato le differenze di centinaia di piccole molecole in tre gruppi: 14 persone con cervelli sani, 15 che avevano alti livelli di tau e amiloide, ma non presentavano problemi di memoria e 14 clinicamente diagnosticati malati di Alzheimer.

I ricercatori hanno confrontato tre diverse aree del cervello: quella che di solito mostra poca tau e amiloide, quella che contiene maggiore tau e un’altra che contiene più amiloide.

I risultati hanno dimostrato come gli acidi grassi insaturi siano significativamente ridotti nel cervello di pazienti affetti da Alzheimer, rispetto al cervello dei pazienti sani. Inoltre, è stato osservato come un’omega- 3, DHA, apparentemente benefica, in realtà risulti aumentata con la progressione della malattia.

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: morbo di Alzheimer

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti. Nel modello operativo del mondo...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters

0
condivisioni