Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello.

on . Postato in News di psicologia

Una ricerca pubblicata sulla rivista “PLoS Medicine” ha scoperto che il metabolismo degli acidi grassi insaturi omega-3 e omega-6 nel cervello sono associati con la progressione della malattia di Alzheimer (AD).

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello

L’Alzheimer è una patologia neurodegenerativa, che provoca alterazioni della memoria, delle funzioni esecutive e del linguaggio. Essa costituisce il 60 – 80% dei casi totali di demenza in tutto il mondo, con oltre 46 milioni di persone che ne soffrono. Il numero di pazienti dovrebbe salire a 131,5 milioni entro il 2050.

Attualmente si ritiene che la causa principale per lo sviluppo delle alterazioni della memoria nella demenza sia la presenza di due molecole: le proteine tau e amiloide. Queste, sono state ampiamente studiate ed è stato dimostrato che iniziano ad accumularsi nel cervello fino a 20 anni prima dell’insorgenza della malattia.

Tuttavia, vi sono limitate informazioni su come il metabolismo di piccole molecole nel cervello sia associato allo sviluppo e alla progressione della malattia d’Alzheimer.

In questo studio, i ricercatori dell’Institute of Pharmaceutical Science, King’s College London e del National Institute on Aging degli Stati Uniti hanno esaminato campioni di tessuto cerebrale di 43 persone di età compresa tra 57 a 95 anni. Inoltre, hanno confrontato le differenze di centinaia di piccole molecole in tre gruppi: 14 persone con cervelli sani, 15 che avevano alti livelli di tau e amiloide, ma non presentavano problemi di memoria e 14 clinicamente diagnosticati malati di Alzheimer.

I ricercatori hanno confrontato tre diverse aree del cervello: quella che di solito mostra poca tau e amiloide, quella che contiene maggiore tau e un’altra che contiene più amiloide.

I risultati hanno dimostrato come gli acidi grassi insaturi siano significativamente ridotti nel cervello di pazienti affetti da Alzheimer, rispetto al cervello dei pazienti sani. Inoltre, è stato osservato come un’omega- 3, DHA, apparentemente benefica, in realtà risulti aumentata con la progressione della malattia.

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

 

Tags: morbo di Alzheimer

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Dormire assieme (1485335367735…

federica, 55         Buongiorno, da qualche mese mi sono separata da mio marito e sono innamorata di un altro uomo. Viviamo in case d...

Amore o amicizia (14849127711…

confusa, 20         C'è questo ragazzo, andavamo a scuola insieme alle medie ma non ci sono mai stati contatti. Due anni fa ci...

problemi generici (14950614224…

Michele076, 41          Soffro di continuo di ansia che mi debilita totalmente, tanto da non farmi nemmeno uscire di casa dalla...

Area Professionale

La psicosi: tra Jung, Freud e …

La psicosi è, in gran parte, il risultato di una diade soggetto-oggetto che è presenta nella mente dell’individuo psicotico. Questo signific...

L'importanza del modello bio-p…

Nella gestione delle problematiche psicologiche e/o comportamentali, Il trattamento deve  ispirarsi al modello bio-psico-sociale e  affrontare tutti q...

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

Le parole della Psicologia

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’ec...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» ...

News Letters