Pubblicità

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1526 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una ricerca pubblicata sulla rivista “PLoS Medicine” ha scoperto che il metabolismo degli acidi grassi insaturi omega-3 e omega-6 nel cervello sono associati con la progressione della malattia di Alzheimer (AD).

Alzheimer legato al metabolismo degli acidi grassi insaturi nel cervello

L’Alzheimer è una patologia neurodegenerativa, che provoca alterazioni della memoria, delle funzioni esecutive e del linguaggio. Essa costituisce il 60 – 80% dei casi totali di demenza in tutto il mondo, con oltre 46 milioni di persone che ne soffrono. Il numero di pazienti dovrebbe salire a 131,5 milioni entro il 2050.

Attualmente si ritiene che la causa principale per lo sviluppo delle alterazioni della memoria nella demenza sia la presenza di due molecole: le proteine tau e amiloide. Queste, sono state ampiamente studiate ed è stato dimostrato che iniziano ad accumularsi nel cervello fino a 20 anni prima dell’insorgenza della malattia.

Tuttavia, vi sono limitate informazioni su come il metabolismo di piccole molecole nel cervello sia associato allo sviluppo e alla progressione della malattia d’Alzheimer.

In questo studio, i ricercatori dell’Institute of Pharmaceutical Science, King’s College London e del National Institute on Aging degli Stati Uniti hanno esaminato campioni di tessuto cerebrale di 43 persone di età compresa tra 57 a 95 anni. Inoltre, hanno confrontato le differenze di centinaia di piccole molecole in tre gruppi: 14 persone con cervelli sani, 15 che avevano alti livelli di tau e amiloide, ma non presentavano problemi di memoria e 14 clinicamente diagnosticati malati di Alzheimer.

I ricercatori hanno confrontato tre diverse aree del cervello: quella che di solito mostra poca tau e amiloide, quella che contiene maggiore tau e un’altra che contiene più amiloide.

I risultati hanno dimostrato come gli acidi grassi insaturi siano significativamente ridotti nel cervello di pazienti affetti da Alzheimer, rispetto al cervello dei pazienti sani. Inoltre, è stato osservato come un’omega- 3, DHA, apparentemente benefica, in realtà risulti aumentata con la progressione della malattia.

 

Tratto da: psypost

 

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: morbo di Alzheimer

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

News Letters

0
condivisioni