Pubblicità

Alzheimer: solitudine un fattore di rischio

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 259 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sentirsi soli aumenta le possibilità di ammalarsi di Alzheimer, il deterioramento progressivo delle funzioni cerebrali di cui soffrono 18 milioni di anziani - in prevalenza donne - nel mondo, e 500mila in Italia. E’ questo il sorprendente risultato di uno studio statunitense portato avanti su 800 anziani nell’arco di quattro anni, che per la prima volta collega la sensazione soggettiva di solitudine al morbo di Alzheimer.

Secondo quanto riportato su “Archives of General Psychiatry”, la metodologia utilizzata dall’equipe del professore Robert Wilson, della Rush University di Chicago, si è basata su un test somministrato agli anziani a distanza di un anno. I pazienti hanno attribuito un punteggio da uno a cinque ad affermazioni come “mi sento spesso abbandonato” o “percepisco un senso di vuoto”, riuscendo così a stabilire il loro grado di solitudine. Parallelamente, sullo stesso gruppo di anziani sono stati valutati gli indicatori di demenza senile e morbo di Alzheimer.

Ebbene, i risultati ottenuti dall’equipe di neuropsicologia sembrano provare un legame pesante fra la solitudine in terza età e la malattia scoperta agli inizi del secolo scorso dallo psichiatra tedesco Alois Alzheimer: la probabilità di ammalarsi aumenta del 51% per ogni punto in più nella “scala della solitudine”.

Tratto da "Ifg online" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mia moglie mi ha lasciato (153…

Emyls, 41     Salve, vi scrivo a seguito di questo tragico evento che sta per cambiare la vita della mia famiglia, mia dei miei figli. ...

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Area Professionale

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Le parole della Psicologia

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Disturbo schizoide di personal…

Disturbo di personalità caratterizzato da mancato desiderio o piacere ad instaurare relazioni altrui e chiusura verso il mondo esterno. Il disturbo schizoide d...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni